Maltempo, nubifragio a Cortina: continuano le operazioni nella Frazione di Alverà

MeteoWeb

Continuano le operazioni di soccorso dei circa 50 vigili del fuoco impegnati per il nubifragio che ha interessato la Frazione di Alverà di Cortina, con l’esondazione del torrente Bigontina. Le attività dei pompieri e degli altri soccorritori puntano a liberare il più possibile l’alveo del torrente da massi e ostacoli, che potrebbero impedire in normale deflusso delle acque in caso di peggioramento delle condizioni meteo. Al momento sulla zona piove.

Un’ulteriore frana ha interessato anche la zona di Cima Banche creando difficoltà alla circolazione per la chiusura di una strada. Nel pomeriggio è prevista una riunione del CCS (centro coordinamento soccorsi) istituito per questa emergenza presso il distaccamento dei vigili del fuoco di Cortina e presieduto dal prefetto di Belluno, per fare il punto della situazione.

Oltre 70 le richieste d’intervento in tutta la provincia per il forte vento che ha provocato lo scoperchiamento di un tetto ad Agordo e di due a Pieve di Cadore. Altri interventi a Feltre, Santa Giustina, Domegge, Zoldo Alto , Canale d’Agordo, Cesio Maggiore, San Nicolò Comelico, Domegge, Lamon, Vigo di Fassa, Sospirolo, Longarone, Mel, Lorenzago. In mattina i vigili del fuoco sono intervenuti per un pullman con 40 persone a bordo uscito parzialmente fuori strada a Palus San Marco ad Auronzo di Cadore. Nessuna persona è rimasta coinvolta.