Terremoto, Castelluccio: in sei mesi la lenticchia sarà nei piatti

MeteoWeb

Sei mesi per portare la lenticchia di Castelluccio di Norcia nei piatti dei consumatori italiani ed esteri. Inizia con la semina in primavera, a marzo, il processo che porta oggi alla raccolta del prodotto simbolo del borgo dei Sibillini, distrutto dal sisma. “Una volta seminata si attende che nascano le piantine e poi è la natura a fare il suo corso”, racconta, all’ANSA, Diego Pignatelli, uno degli agricoltori e presidente della Proloco.

“A fine luglio – aggiunge – le piante vengono falciate e lasciate a terra una giornata e poi con i ranchinatori raggruppate e quindi si passa con la trebbia che separa la lenticchia dalla pianta”. A questo punto il prodotto viene trasferito nei magazzini di Norcia “e qui con gli impianti di pulitura la lenticchia viene separata da tutte le impurita’ a cominciare dai sassolini”, spiega l’agricoltore.

Prima di passare al confezionamento occorre sottoporre il prodotto al controllo di qualita’ del Parco Trea, che eseguirà le analisi secondo i canoni Igp che impongono anche una produzione massima per ettaro di 800 chili. “La lenticchia, sempre per le regole Igp, puo’ essere venduta solo se confezionata in sacchetti da 250 e 500 grammi, oppure in buste da un chilo”, sottolinea Pignatelli.

A fine settembre le confezioni iniziano a raggiungere gli scaffali dei negozi, mentre gli agricoltori inizieranno a pensare alla prossima semina “in cui utilizzeremo i semi di lenticchia raccolti in questi giorni“, conclude l’agricoltore. Durante il lungo processo di maturazione del prodotto, Castelluccio vive, a fine giugno, uno dei momenti più incredibili che la natura possa offrire: la famosa fioritura. Che richiama migliaia di visitatori da tutto il mondo.