Terremoto, Della Valle agli imprenditori: “Costruite fabbriche, il lavoro è la speranza”

MeteoWeb

”A tanti amici, colleghi, gente generosa che vuole bene all’Italia, agli imprenditori dico: ‘ragazzi qui c’e’ bisogno di lavoro, dobbiamo venir qua, le fabbriche le possiamo fare e nell’arco di un anno possiamo costruire aziende come questa. E se siamo 20, 30, 40 aziende a farlo, riusciamo a togliere definitivamente il problema occupazione da questi territori e dare veramente una speranza vera e solida, a dire che la gente qui potra’ tornare perche’ il lavoro e’ qua”.

Diego Della Valle, che ha realizzato a tempo di record una fabbrica Tod’s ad Arquata del Tronto, nel cratere sismico, fra ”un mesetto” comincera’ a telefonare agli industriali che conosce meglio: ”qualunque azienda e’ benvenuta – ha spiegato – ma sarebbe bellissimo avere anche aziende rappresentative del Paese, per far vedere al mondo che noi italiani ci siamo, che il nostro e’ un popolo serio, e quando serve c’e”’.

Mister Tod’s spera di poter dire a dicembre che ”molti altri amici imprenditori hanno deciso di fare un’insediamento qua. Questa – ha aggiunto – e’ una fabbrica che produce lavoro, da dignita’ alle persone, ma da’ anche un profitto a chi la fa”. Non e’ insomma ”un atto eroico, ma un gesto di grande generosita’ e di praticita’ aziendale”.

Ad un anno dal sisma ”ci sono ancora molte cose da fare, ritardi certo, ma molte cose sono state fatte” e se i politici devono ”fare il loro mestiere e sistemare questi territori”, anche gli imprenditori non possono ”sottrarsi alla chiamata” secondo Diego Della Valle. Il loro compito e’ ”portare lavoro”. ”I giovani di questi posti – ha detto l’imprenditore parlando ad Arquata del Tronto – hanno bisogno di capire che veramente qui c’e’ un futuro per loro. Per esperienze decennali passate la gente e’ titubante, preoccupata, e comincia a essere sfiduciata su quelle che possono essere le sorti di certi territori. Se portiamo lavoro – ha concluso – vuol dire che qui ci vogliamo rimanere”.