Terremoto Ischia: dalla scossa al salvataggio di Ciro, 16 ore di paura

MeteoWeb

Una nottata lunghissima. Un lungo boato, poi il black out. Panico, urla, un attentano? No, il terremoto. Palazzi che crollano e gente che fugge. Sono le 20.57 di un estivo lunedì 21 agosto, siamo a Ischia, l’Isola verde tanto amata dai turisti di tutto il monto.

D’improvviso, una scossa: 4.0 della scala Richter, con epicentro nel mare. Panico, devastazione e terrore: due morti, case distrutte, diversi feriti e un’intera famiglia imprigionata sotto le macerie.

Tutti si precipitano in strada, i turisti rassicurano chi li cerca da lontano, ma arrivano le tristi conferme: alcune frazioni di Casamicciola e Lacco Ameno sono devastate. Immediata la macchina dei soccorsi che scava subito tra le macerie. L’ospedale Rizzoli di Lacco Ameno iniziano ad accogliere i primi feriti, ma ci sono crepe e per qualche ora viene ordinata l’evacuazione.

La zona maggiormente colpita si trova nella parte alta di Casamicciola, crolla la parte superiore della chiesa di Santa Madonna Addolorata e la catechista Lina Balestrieri, di 59 anni, muore venendo colpita dalle macerie. Pochi metri più in là si lotta per evitare una tragedia: una palazzina di cinque piani crolla, sotto restano imprigionate sette persone, tra cui tre fratelli: Ciro di 11 anni, Mattias di 8 anni e Pasquale 7 mesi.

Intanto aumentano gli sfollati, fino a diventare 2600, numero attuale. Numerosi alberghi attrezzano materassi e coperte per la notte all’aperto dei loro ospiti, e la gente si organizza come può.

Si continua a lavorare nella palazzina di via Serrato: vengono estratte vive due persone, una e’ Alessia Lucido Balestrieri, la madre dei bimbi intrappolati, incinta della loro sorellina. La donna passerà tutta la notte in attesa di rivedere i suoi figli. Sente le voci: Ciro ha protetto Mattias in un abbraccio sotto il loro letto e guida i soccorritori, Pasquale piange. Ma le operazioni sono difficoltose.

Alle 2.30 quando viene estratto il papa’ di Pasquale, Alessandro Toscano, con ferite non gravi. Alle 4 il neonato viene portato in salvo. Viene intanto individuato il corpo senza vita (non ancora estratto) della turista Marilena Romanini, di 65 anni, nata a Brescia.

Alle le 7.30 i soccorritori raggiungono i bimbi e gli porgono dell’acqua: solo intorno alle 11, a 14 ore dal crollo, trarranno in salvo Mattias. Alle 13, dopo 16 ore, viene estratto Ciro, che ha una frattura: “E’ stato coraggioso, ha salvato il fratello”, raccontano i soccorritori. “Un miracolo, siamo morti e siamo rinati”, dice la nonna dei bimbi.

Sull’isola fin dal primo mattino c’e’ il capo della protezione civile Angelo Borrelli: “nessuno stara’ in tenda”, promette.