Terremoto, un anno dopo: “Amatrice rinascerà, conservi le ferite”

MeteoWeb

“Amatrice rinascera'” ma “e’ bene che conservi perfino le ferite, perche’ da quelle le future generazioni apprenderanno che la citta’, piu’ che dalle sue mura e dalle sue vie, e’ fatta dall’ingegno e dalla passione di chi la edifica”. Lo ha sottolineato il vescovo di Rieti, mons. Domenico Pompili nell’omelia della messa a un anno dalla prima scossa di Terremoto che ha colpito l’Italia centrale.

“Lasciamoci ispirare dal cielo che ci circonda – ha proseguito mons. Pompili – e invita ad allargare l’orizzonte, ad alzare lo sguardo rispetto alle nostre preoccupazioni immediate e ai nostri pregiudizi istintivi. Allora ci sorprenderemo a vivere, tra qualche anno, in un contesto che credevamo di conoscere, ma non aveva ancora svelato tutta la sua bellezza. Non basta nascere, bisogna imparare a rinascere. Questa e’ la fede. Ma anche la ricostruzione che verra’, se verra'”.