Bangladesh, l’allarme Oms: “Rischio di colera nei campi profughi Rohingya”

MeteoWeb

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms) ha avvertito dell’aumento del rischio di un’epidemia di colera nei campi profughi improvvisati in Bangladesh, dove almeno 436mila rifugiati musulmani Rohingya hanno cercato riparo per sfuggire ai disordini in Myanmar.

Secondo l’Oms a un mese dall’esodo le persone non dispongono di acqua potabile e strutture igieniche e vivono sparse in 68 campi e insediamenti lungo il confine. Nei campi vi è anche una grave carenza di cibo e farmaci in quello che è rapidamente diventato uno dei più grandi insediamenti di rifugiati al mondo.

“Il rischio di malattie provocate dall’acqua è alto, specialmente c’è il rischio molto alto di colera ed ecco perché sono tutti preoccupati”, ha scritto in una nota l’Oms, “Gli interventi sono stati aumentati, la situazione resta comunque critica e impegnativa”.