Aviaria, focolaio in Valtellina: abbattuti gli animali infetti 

MeteoWeb

Un focolaio di influenza aviaria in Valtellina e precisamente in un allevamento di Piateda (Sondrio). La scoperta fatta dall’Istituto zooprofilattico sperimentale della Lombardia e dell’Emilia Romagna, sezione di Sondrio, risale a dieci giorni fa, ma e’ stata resa nota solo oggi. Il 16 ottobre, stando a quanto comunicato dall’Ats ai Comuni della zona e al Servizio caccia, pesca e strutture agrarie della Provincia di Sondrio, sono arrivati i risultati delle analisi effettuate sulla carcassa di un pollo morto in un allevamento di Piateda.

Gli esami non hanno lasciato spazio a dubbi: l’animale era affetto da influenza aviaria di tipo A, sottotipo H5. Innanzitutto, il Dipartimento veterinario e sicurezza degli alimenti di origine animale dell’Ats ha proceduto alle pratiche da sbrigare con maggiore urgenza, in particolare l’abbattimento e la distruzione degli animali infetti. Dopo l’abbattimento e la distruzione degli animali, l’Ats della Montagna ha emesso, a nome del sostituto direttore del Dipartimento veterinario, il dottor Fabio Orsi, un’ordinanza con la quale vengono istituite una Zona di protezione e di una Zona di sorveglianza.