Droghe psichedeliche: mini cervelli svelano i loro effetti e le inaspettate potenzialità

MeteoWeb

Mini-cervelli umani coltivati in provetta mostrano per la prima volta i cambiamenti molecolari causati dalle sostanze psichedeliche, rivelando alcune loro sorprendenti potenzialità terapeutiche. In particolare è stato osservato un aumento della plasticità dei circuiti nervosi associati alla memoria e all’apprendimento, ed una capacità di difendere i neuroni dall’infiammazione e della neurodegenerazione.

Lo rivela uno studio brasiliano pubblicato su Scientific Reports dal gruppo di Stevens Rehen, docente all’Universita’ Federale di Rio De Janeiro e responsabile della ricerca presso il D’Or Institute for Research and Education (Idor). Lo studio è stato condotto usando una sostanza psichedelica, la 5-MeO-DMT, che viene prodotta in natura dalle ghiandole del dorso di un rospo che vive nel deserto di Sonora, tra Usa e Messico.

L’allucinogeno – spiegano – è stato somministrato in un’unica dose ad alcuni ‘mini-cervelli’, ovvero colture in 3D di neuroni che simulano lo sviluppo di un cervello umano. Attraverso una tecnica d’indagine chiamata spettrometria di massa, i ricercatori hanno potuto verificare che la sostanza psichedelica altera la produzione di un migliaio di proteine nel cervello: da un lato aumenta quelle coinvolte nella formazione e nel mantenimento delle connessioni fra neuroni (sinapsi), cruciali per l’apprendimento e la memoria, mentre dall’altro lato diminuisce alcune proteine coinvolte nei processi di infiammazione e neurodegenerazione.