Emergenza smog in Emilia Romagna: “Facciamo sul serio, a inizio 2018 arrivano 14 milioni”

MeteoWeb

Sullo smog “facciamo sul serio”. Lo sostiene l’assessore regionale all’Ambiente Paola Gazzolo, alla vigilia dell’entrata in vigore dei primi blocchi in tutta l’Emilia-Romagna (fa eccezione Ravenna) per il primo boom autunnale delle polveri sottili.

Stiamo dando applicazione per la prima volta ad azioni emergenziali comuni in tutto il territorio padano, le stesse, dunque- sottolinea Gazzolo in una nota- entrate in vigore anche in Piemonte, Lombardia e Veneto, che con l’Emilia-Romagna hanno firmato l’accordo che mette in campo la prima alleanza fra Regioni contro smog”. A queste misure, ricorda, “si affiancano quelle aggiuntive piu’ restrittive previste nel nostro piano aria. A dimostrazione che facciamo sul serio nella lotta anti-inquinamento”.

In questi giorni, ricorda l’assessore, “ho scritto a tutti i sindaci della regione, con territorio sotto i 300 metri, per ricordare il nuovo divieto ordinario di uso dei camini aperti e con efficienza energetica inferiore al 75%, se alimentati a legna se presenti altri sistemi di riscaldamento”.

Ora, conclude Gazzolo, “continua il dialogo con il ministero e le altre Regioni per arrivare, dall’inizio del prossimo anno, a disporre delle risorse previste dall’accordo di bacino padano: si tratta di 14 milioni di euro per il rinnovo dei veicoli piu’ inquinanti sull’intero territorio del bacino e la riduzione delle emissioni prodotte dagli spandimenti agricoli e zootecnici”.