Focus Ue sugli oceani: al centro clima, governance e sicurezza

MeteoWeb

Impegni concreti e investimenti di miliardi di euro, per il futuro sostenibile e la sicurezza di mari e oceani da parte di Paesi e, per la prima volta, imprese private. Saranno queste le novita’ principali della quarta edizione della Conferenza Our Ocean, organizzata dall’Unione europea a Malta il 5 e 6 ottobre, con la partecipazione prevista di 700 persone, piu’ di 40 esponenti di governi, ministri o capi di stato, e delegazioni da un centinaio di paesi.

In agenda sia l’ampliamento delle aree marine protette, punto essenziale delle scorse edizioni della conferenza, sia “la governance degli oceani, i problemi della sicurezza marittima e del cambiamento climatico”, spiegano fonti della Commissione Ue, che a Malta inviera’ tre rappresentanti: Karmenu Vella per l’ambiente e il mare, l’Alto rappresentante per gli affari esteri Federica Mogherini e il vicepresidente dell’esecutivo Ue Frans Timmermans.

L’ambizione e’ creare un quadro comune per lo sviluppo sostenibile, parte integrante della strategia di sicurezza e della politica estera Ue, in una sorta di diplomazia dei mari e degli oceani. E poi ci saranno gli impegni di tipo economico: “triplicati rispetto alle attese”, continuano le fonti Ue, “non si trattera’ solo di prendere impegni, ma di assumersi la responsabilita’ per la loro applicazione”, con controllo e monitoraggio delle attivita’ svolte.