Prima banca dati sul cervello umano fatta con neuroni ‘vivi’

MeteoWeb

E’ online la prima banca dati sul cervello fatta con neuroni umani ‘vivi’. Lo studio, realizzato dall’Allen Institute for Brain Science di Seattle, negli Stati Uniti, ha permesso di ricavare il profilo genetico di 16.000 neuroni e informazioni circa l’attivita’ elettrica di 300 neuroni della corteccia cerebrale, di cui 100 sono stati perfino ricostruiti in 3D. I neuroni sono stati ottenuti da tessuti di scarto derivanti dagli interventi neurochirurgici di 39 pazienti, sono stati mantenuti in attivita’ fuori dal corpo umano per tre giorni, in modo da poterne analizzare l’anatomia e la funzionalita’.

Il database, accessibile a tutti, apre una “finestra” inedita sul cervello umano, che finora era stato studiato usando elettroencefalogramma, tecniche di diagnostica per immagini (come la risonanza magnetica) e campioni di tessuto prelevati da cadavere. Risalgono agli anni Settanta le prime ricerche su campioni di cervello prelevati durante gli interventi neurochirurgici, ma nessuno finora era riuscito a mettere insieme una quantita’ di materiale cosi’ imponente come l’Istituto Allen.

Il progetto e’ stato portato avanti grazie alla collaborazione di diversi ospedali di Seattle, dove ai pazienti sottoposti a interventi neurochirurgici per epilessia e tumori cerebrali e’ stato chiesto il consenso a donare dei pezzetti di cervello (grandi quanto cubetti di zucchero) che altrimenti sarebbero stati comunque buttati come rifiuto ospedaliero dopo l’operazione.

I neuroscienziati intendono proseguire il loro lavoro per ampliare ulteriormente l’archivio, con l’obiettivo di esaminare a fondo le connessioni fra neuroni. In futuro le informazioni sulle cellule potrebbero essere incrociate con le cartelle cliniche dei pazienti, in modo da evidenziare eventuali correlazioni con la funzionalita’ del cervello prima e dopo l’intervento.