Terremoto, il vescovo di Norcia: “E’ urgente tornare alla normalità”

MeteoWeb

“Dopo 365 giorni e’ urgente tornare alla normalita’, riprendere il cammino coscienti di dove e come si vuole andare, cioe’ ricostruire le nostre comunita’ moralmente e materialmente il prima possibile, ma con la consapevolezza che il Terremoto ha reso uomini, edifici e paesaggi diversi da come erano prima. Le ferite del sisma sono ancora sanguinanti e ci vorra’ purtroppo del tempo prima che si mutino in cicatrici”: lo afferma monsignor Renato Boccardo, arcivescovo di Spoleto-Norcia e presidente della Conferenza episcopale umbra.

Lo fa ricordando gli appuntamenti messi in calendario dalla diocesi per ricordare il sisma di un anno fa in Valnerina. Il momento centrale – spiega – e’ in programma il 30 ottobre, alle 7.41, ora della forte scossa: monsignor Boccardo presiedera’ a Norcia, un momento di preghiera e ricordo intorno alla statua di San Benedetto, davanti alla Basilica.

Mentre alle 10 a Cascia, nella Basilica di Santa Rita, celebrera’ una messa di ringraziamento per tutte le associazioni di volontariato. Tra le altre iniziative in programma una fiaccolata guidata dal presule giovedi’ 26 ottobre, alle a Cascia, dalla basilica di Santa Rita al Centro di comunita’ in piazza Dante, passando dinanzi alla chiesa parrocchiale di Santa Maria della Visitazione gravemente lesionata. Altro appuntamento la mattinata della domenica 29 ottobre a Norcia, quando in piazza San Benedetto sara’ celebrata una messa presieduta dal cardinale Pietro Parolin, Segretario di Stato Vaticano. Momenti religiosi sono, inoltre, in programma anche venerdi’ 27 (alle 18) presso il Centro di comunita’ Madonna delle Grazie,e sabato 28 ottobre con la fiaccolata all’Abbazia di Sant’Eutizio di Preci.