Terremoto: passa la mozione per il rilancio dei bacini sciistici 

MeteoWeb

Via libera all’unanimita’ in Consiglio regionale delle Marche per la mozione presentata da Elena Leonardi (Fdi-An) riguardante il rilancio economico, turistico, naturalistico delle aree montane terremotate con particolare riferimento ai bacini sciistici di Frontignano, Bolognola e Monte Prata. Nel documento si sollecita la Giunta regionale a prevedere in sede di revisione del Por Fesr, con le risorse aggiuntive del sisma, “lo stanziamento, tramite apposite misure, per il finanziamento di legati alla ricettivita’ turistica dei comprensori sciistici delle aree terremotate”.

Inoltre si chiede all’esecutivo “nell’ambito dell’imminente reperimento di ulteriori risorse, come quelle per il Fondo di Sviluppo e coesione, l’attivazione di misure per il recupero strutturale degli impianti sciistici nonche’ le strade di servizio, compresa la strada di collegamento Castelsantangelo sul Nera-Monte Prata”. Tra gli altri impegni sollecitati anche quello relativo alla “realizzazione, con i fondi aggiuntivi destinati all’agricoltura, di piccoli bacini lacustri da posizionare in quota per abbeveramento, antincendio e innevamento artificiale; l’avvio urgente di un tavolo di concertazione con sindaci e gestori degli impianti sciistici; il coinvolgimento del Commissario straordinario per programmare finanziamenti mirati al recupero delle infrastrutture stradali di collegamento con i bacini sciistici ed il relativo recupero strutturale degli impianti danneggiati dal sisma”.

Per Leonardi, con questi impegni di risorse “si rimettera’ in moto l’economia di una zona che da Fiastra, Valfornace, Muccia e Pieve Torina, arriva sino a Visso, Sarnano, Amandola con prospettive di rilancio concordate, tramite l’apertura di piu’ tavoli tecnici, con i sindaci delle comunita’ locali e i gestori degli impianti medesimi. Fondamentale il coinvolgimento dei Gruppi di Azione Locale”. Secondo Francesco Micucci (Pd), la mozione puo’ dare impulso a zone “votate soprattutto al turismo. La ricostruzione non e’ solo riedificare muri vuoti”.