Tragedia in Santa Croce a Firenze, cade una pietra e uccide un turista: inchiesta in corso, solo una settimana fa il controllo sulle superfici

MeteoWeb

Un turista spagnolo di 52 anni e’ morto colpito da un elemento architettonico caduto dalla sommita’ di una navata della Basilica di Santa Croce a Firenze. Inutili i soccorsi del 118 e della polizia municipale.

Sarebbe caduto un pezzo di capitello abbastanza grande. Il distacco e’ avvenuto da una ventina di metri di altezza. Il turista sarebbe stato colpito alla testa. Inutili i soccorsi prestati: il personale del 118 ha tentato a lungo manovre di rianimazione. Con il turista nella visita alla chiesa, c’era anche la moglie, sentita dagli investigatori.

La tragedia sarebbe avvenuta sotto gli occhi della moglie. Sul posto la polizia, vigili del fuoco e il 118 nel tentativo di soccorrerlo. Ora la Basilica e’ chiusa ai turisti, probabilmente riaprira’ solo domani, e sono in corso gli accertamenti di rito da parte delle forze dell’ordine e dei vigili del fuoco. Presente anche il magistrato di turno: Benedetta Foti.

Veniva da Barcellona e si chiamava Daniel Testor Schnell, il turista morto nella basilica di Santa Croce oggi nel primo pomeriggio, poco dopo le 14,30.

Aperta un’inchiesta

La procura di FIRENZE ha aperto un’inchiesta per omicidio colposo per la morte nella basilica di Santa Croce di un turista a causa del distacco di un frammento che lo ha colpito. Secondo quanto appreso il fascicolo, al momento, e’ contro ignoti. La procura ha deciso inoltre di porre sotto sequestro l’area della basilica di Santa Croce.

Il pezzo caduto nella basilica di santa Croce a FIRENZE che ha provocato la morte del turista sarebbe un ‘peduccio’ in pietra, struttura che serve per aumentare la base di appoggio delle strutture lignee. Il pezzo si e’ staccato dal transetto di destra della basilica. E’ quanto si apprende da uno dei tecnici della Soprintendenza intervenuti sul posto. L’esperto ha quindi riferito ai cronisti che “non risultano segnalazioni di criticita'” per l’area della basilica e che tutto e’ “assoggettato a periodici controlli”.

Solo una settimana fa i controlli sulle superfici

“Solo una settimana fa avevamo impiegato un elevatore per pulire in altezza le vetrate nella parte della basilica dove oggi e’ avvenuta la tragedia. Ne avevamo approfittato, come facciamo di solito, anche per effettuare un controllo sulle superfici di quella zona. Tutto era risultato regolare“. Lo ha detto all’ANSA, il segretario generale dell’Opera di Santa Croce Giuseppe De Micheli. Risale a circa 10 anni fa, ha ricordato De Micheli, “un restauro generale di ampio respiro sulla parte in cui questo pomeriggio e’ successo cio’ che e’ successo”.

“Negli ultimi 15 anni l’intero complesso di Santa Croce e’ stato messa in sicurezza, restaurato, monitorato costantemente in ogni sua parte”, ha aggiunto De Micheli. “Si puo’ tranquillamente dire che Santa Croce sia un cantiere permanente”. De Micheli, segretario generale dell’Opera dal 2000, spiega anche che “in 17 anni in questo ruolo, non ho mai visto accadere nulla del genere”.

Domani Basilica chiusa

Domani basilica e complesso monumentale di Santa Croce a FIRENZE chiusi, dopo l’incidente mortale di oggi a causa del quale ha perso la vita un turista spagnolo. “In segno di lutto – dice una nota dell’opera di Santa Croce diffusa in serata – il Complesso monumentale domani restera’ chiuso al pubblico. Attoniti per quanto accaduto oggi, la Presidente, il Consiglio d’Amministrazione, la Direzione e tutto lo staff dell’Opera di Santa Croce esprimono il loro piu’ profondo cordoglio ai parenti della vittima e offrono la massima collaborazione alle autorita’ impegnate nello svolgimento delle indagini”.

La Basilica di Santa Croce

La Basilica di Santa Croce, situata nell’omonima piazza a Firenze, e’ una delle piu’ grandi chiese francescane e una delle massime realizzazioni del gotico in Italia, e possiede il rango di Basilica minore. Essa e’ il luogo di sepoltura di alcuni dei piu’ illustri personaggi italiani, come Michelangelo Buonarroti, Galileo Galilei, Niccolo’ Machiavelli, Vittorio Alfieri, Ugo Foscolo, Gioacchino Rossini, ed e’ per questo nota come il Tempio dell’Itale Glorie. Nonostante sia una chiesa cattolica, vi sono anche sepolture di persone non credenti, tra cui lo stesso Foscolo. Santa Croce e’ un simbolo prestigioso di Firenze, il luogo di incontro dei piu’ grandi artisti, teologi, religiosi, letterati, umanisti e politici, che determinarono, nella buona e cattiva sorte, l’identita’ della citta’ tardo-medievale e rinascimentale. Al suo interno trovarono inoltre ospitalita’ celebri personaggi della storia della Chiesa come san Bonaventura, Pietro di Giovanni Olivi, sant’Antonio da Padova, san Bernardino da Siena, san Ludovico d’Angio’. Fu anche luogo d’accoglienza per pontefici come Sisto IV, Eugenio IV, Leone X, Clemente XIV.