Clima: trovato un accordo Ue sulla riforma relativa al mercato delle emissioni

MeteoWeb

Il Parlamento europeo e il Consiglio europeo hanno raggiunto nella notte un accordo provvisorio per riformare il mercato delle emissioni (Ets) e conseguire l’impegno previsto dall’accordo di Parigi per ridurre le emissioni di gas serra del 40% entro il 2030. Dopo il negoziato, a cui ha partecipato anche la Commissione europea, il testo deve passare attraverso il Parlamento e il Consiglio e, una volta approvato da entrambe le istituzioni, sarà pubblicato nella Gazzetta ufficiale dell’Unione europea entro 20 giorni.

Secondo una dichiarazione rilasciata dalla Commissione Ue, saranno apportati “cambiamenti significativi” per accelerare la riduzione delle emissioni e degli approvvigionamenti in eccesso nel mercato del carbonio. Previsti meccanismi per facilitare l’innovazione e la transizione verso un’economia meno dipendente dalle emissioni di biossido di carbonio. Saranno inoltre aggiunte garanzie di protezione contro il rischio di perdite dovute all’eventuale spostamento degli investimenti nei confronti dei Paesi con limiti alle emissioni più blandi.

 “L’accordo raggiunto oggi dimostra che l’Unione europea si è impegnata a tradurre l’Accordo di Parigi in azioni concrete, mettendo in atto la legislazione necessaria”, ha dichiarato il commissario per l’Azione sul Clima ed Energia, Arias Cañete. Per BusinessEurope l’accordo è “un passo nella giusta direzione rispetto alla proposta iniziale della Commissione europea in Luglio 2015” anche se “la protezione necessaria non è garantita alle industrie esposte alla fuga degli investimenti”.