Alluvione nel Modenese: evacuate 170 famiglie per un’esercitazione

MeteoWeb

A tre anni dall’esondazione del fiume Secchia che ha messo in ginocchio la Bassa Modenese, questa mattina all’alba, a San Martino Secchia – in provincia di Modena – la Protezione civile ha avviato una maxi esercitazione, simulando appunto un altro alluvione, ed evacuando per questo 170 famiglie per circa 300 persone complessive.

Ad essere invitate a lasciare le case sono state tutte le persone che risiedono a ridosso degli argini. In questo modo l’amministrazione comunale ha voluto testare la macchina dei soccorsi e per questo ha messo in campo tutte le procedure come se si trattasse di una vera emergenza. L’allarme e’ scattato alle 6 con la fase di attenzione (codice giallo) a seguire e’ scattato il pre-allarme (codice arancione) ed e’ stato aperto il Coc, il Centro operativo comunale.

Nel frattempo la popolazione della frazione e’ stata avvisata dalla Protezione civile che ha consegnato in ogni abitazione una scheda da compilare con i dati anagrafici, sul posto sono arrivati tutti i mezzi di soccorso e sono stati aperti due centri di accoglienza. Poco prima dell’ora di pranzo e’ scattata la fase di allarme, codice rosso: nella simulazione, alle 13 il Secchia ha raggiunto al ponte Bacchello il livello piu’ alto, 11 metri e quaranta, oltre il quale scatta l’evacuazione. Una pattuglia della polizia Municipale ha allertato le famiglie di San Martino Secchia con la sirena, i residenti sono andati nei due centri d’accoglienza.