Maltempo, Coldiretti: “La pioggia salva l’Italia dall’incubo siccità, fiumi e laghi in risalita”

MeteoWeb

Non solo danni ma anche una decisa inversione di tendenza con il Po e i laghi italiani, dal Maggiore a quello di Como che sono in risalita dopo aver raggiunto quasi il minimo storico. E’ quanto emerge da un monitoraggio della Coldiretti sugli effetti dell’ondata di maltempo che ha colpito l’Italia dopo un mese di ottobre straordinariamente siccitoso in cui è caduto il 59% di pioggia in meno sulla base dei dati Ucea.

“L’arrivo della pioggia e della neve è necessario – sottolinea Coldiretti in una nota – per dissetare i campi resi aridi dalla siccità, per spegnere gli incendi e ripristinare le scorte idriche nei terreni, nelle montagne, negli invasi, nei laghi e nei fiumi a secco”.

“Occorrono però – continua la Coldiretti – interventi di manutenzione, risparmio, recupero e riciclaggio delle acque con le opere infrastrutturali, potenziando la rete di invasi sui territori, creando bacini aziendali e utilizzando anche le ex cave e le casse di espansione dei fiumi per raccogliere l’acqua piovana”.

Di fronte allo stravolgimento del clima, secondo la Coldiretti, “è necessario passare dalla gestione dell’emergenza con enorme spreco di risorse, per abbracciare una nuova cultura delle prevenzione in un Paese che resta piovoso con circa 300 miliardi di metri cubi d’acqua che cadono annualmente, ma che, per le carenze infrastrutturali, ne trattiene solo l’11%”.