Terremoto, i Sindaci sulla sicurezza della A24-A25: “Non lasciateci soli”

MeteoWeb

Dopo l’ annuncio da parte della concessionaria Strada dei Parchi sul rischio di blocco dei cantieri per la messa in sicurezza delle autostrade A24 e A25, che collegano l’Abruzzo al Lazio non si è fatto attendere l’appello dei Sindaci. “Non lasciateci soli”: affermano i primi cittadini dell’Aquila, Pierluigi Biondi, di Avezzano, Gabriele De Angelis, e di Sulmona, Anna Maria Casini, al ministero delle Infrastrutture e dei trasporti. Il rischio di stop dei lavori è dovuto al fatto che i fondi per la sicurezza “non saranno disponibili prima della prossima primavera”.

Nei giorni scorsi era stato l’ad di Strada dei Parchi, Cesare Ramadori, in una lettera al ministero, a chiedere “con urgenza” lo sblocco dei 57 milioni e 736 mila euro mancanti al completamento dell’intervento, in particolare sui viadotti, “reso improcrastinabile dall’allarme scattato dopo i terremoti del centro Italia, seguito a quello dell’Aquila del 2009”. Il costo complessivo dei lavori e’ di 111 milioni e 750 mila euro.

“Si prospetta un inverno particolarmente difficile per le nostre zone gia’ messe a dura prova dal Terremoto – affermano i primi cittadini che parlano anche a nome di altri sindaci – queste autostrade sono per noi l’unico collegamento con il Lazio e le altre zone del centro Italia, saperle insicure non rasserena noi ne’ tantomeno in nostri cittadini”. Per quanto riguarda le risorse, si tratta di fondi europei che saranno disponibili solo dal 2021. Per questo e’ partita la richiesta urgente al ministero delle Infrastrutture e dei trasporti che ne aveva garantito, secondo Strada dei Parchi, un anticipo tramite la Cassa Depositi e Prestiti.