Verona: cani da tutto il mondo in vetrina nel week end 

MeteoWeb

Da veri e propri giganti, come levrieri irlandesi, borzoi e alani, fino ai piu’ piccoli chihuahua e bassotti. Passando per l’Akita, reso celebre dal film Hachiko con Richard Gere, e lo xoloitzcuintle, un antico cane messicano, privo di pelo. Nel prossimo fine settimana i cani tornano protagonisti alla Fiera di Verona, con la 48/a edizione dell’Esposizione internazionale canina, organizzata in collaborazione con il Gruppo cinofilo veronese.

A sfilare nei ring sotto lo sguardo dei giudici della Federazione cinologica internazionale oltre 1.800 esemplari provenienti da ogni angolo del mondo. In tutto, sono piu’ di 200 le razze presenti nel padiglione 9. Si va dalle piu’ diffuse e conosciute come pastore tedesco, bulldog inglese, boxer, san Bernardo, rottweiler, barbone, cocker spaniel, yorkshire, golden retriever, schnauzer, fino alle piu’ curiose ed esotiche, come lo shar-pei, “cane dalle mille rughe”, o il pechinese, originario del Tibet e considerato dai monaci animale sacro e guardiano del dio Budda.

In fiera – spiegano -anche il pastore scozzese a pelo lungo, vera e propria celebrity a quattro zampe, popolare grazie ai film e alle serie televisive di Lassie, o il Papillon, che compare ritratto in quadri di Tiziano, Rubens, Van Dyck e Paolo Veronese. Il programma prevedere una serie di competizioni per decretare il miglior soggetto di ogni razza, in attesa dell’evento clou, con il “Best in show” di domenica 17 dicembre, vinto nel 2016 da un maltese. In entrambe le giornate, si svolgono poi i concorsi “Junior handler” riservati ai giovani conduttori di cani per le gare di bellezza, nelle categorie fino ai 13 e ai 18 anni.