Medicina riabilitativa, le risposte della Comunicazione Aumentativa Alternativa CAA ai disturbi del linguaggio

MeteoWeb

Nell’era della comunicazione eletta a mito, quella dei social network, c’è chi fa fatica a comunicare. Sono i pazienti BCC, ossia portatori di Bisogni Comunicativi Complessi,  che individuano deficit di origine varia. La risposta della Medicina riabilitativa è multidisciplinare, ma in particolare la Logopedia attraverso le tecniche che vengono indicate con un altro acronimo, CAA, che sta per Comunicazione Aumentativa Alternativa.

Alla CAA è dedicata al Giornata Europea della Logopedia, che cade il prossimo 6  marzo, e che vede gli Istituti Clinici Maugeri della Sicilia – Mistretta (Me), Sciacca e Mistretta (Ag) – impegnati in attività di sensibilizzazione e informazione di pazienti e famigliari.

“Si tratta” dice Angela De Palo, coordinatrice riabilitativa degli Istituti Maugeri, “di fornire alla persona con BCC modalita? il piu? possibile indipendenti di comunicazione e di massimizzarne le abilita? e le opportunita? di partecipazione negli ambienti di vita”. Aumentativa, perché “incrementa le modalita? comunicative della persona tramite tutti i canali a disposizione; alternativa perché utilizza codici sostitutivi al sistema verbale, ma anche multimodale perché integra modalita? comunicative, accresce le esistenti, migliora la comprensione e la produzione da voce alla persona”.

A volte si tratta di malattie rare, che comportano disabilita? del linguaggio, come la Sindrome di Angelman, quella di Rett, o quella di Lowe. Altre volte, a determinare il disturbo, sono  sindromi genetiche, la Sindrome di Down o quella di George, certo le più note.

“E poi ci sono i disturbi dello spettro autistico”, osserva Di Paolo, “le paralisi cerebrali infantili, le encefalopatie degenerative congenite; le sordo-cecita?; i gravi disordini neurolinguistici, di comprensione e/o produzione, la grave disprassia del linguaggio, le  disabilita? plurisensoriali e, ancora, patologie neuro-degenerative dell’adulto (tra le piu? frequenti la SLA, la Sclerosi multipla, Morbo di Parkinson)”. Nella Giornata europea, gli esperti della Maugeri saranno a disposizione dei malati e dei loro famigliari per illustrare le possibilità di recupero offerte dalla CAA e spiegare il profili del logopedista, considerato che si sta registrando un desolante abusivismo che sottrarre risorse preziose a famiglie già in difficoltà. 

“La realtà della Maugeri in Sicilia”, conclude De Paolo, “abbraccia un’utenza che parte dall’età pediatrica, con la presenza dell’ambulatorio riabilitativo pediatrico a Sciacca, che segue  paralisi cerebrali infantili sindromi genetiche, autismo, all’età adulta, come a Mistretta, dove si lavora su pazienti affetti da Sclerosi Laterale Amiotrofica-SLA, mentre, ancora a Sciacca, e Ribera per tutte le altre patologie neurologiche acquisite come esiti di trauma cranico, ictus e patologie neurologiche degenerative come Sclerosi Multipla, Morbo di Parkinson”.

Gli appuntamenti con le logopediste Maugeri, curati da Rosalia Volanti, saranno:

  • 6 marzo, ore 9,30-12,30, a Mistretta (Me), presso la hall della Unità Operativa Neuroriabilitazione  intensiva di ICS Maugeri, nel Presidio ospedaliero “SS. Salvatore”, via A. Salomone, 95.