Maltempo Toscana: “Il gelo brucia i raccolti di carciofi e finocchi”

MeteoWeb

Il gelo di questi giorni ha bruciato il 90% dei raccolti di carciofi della Val di Cornia (Livorno) ed azzerato quello dei finocchi. E’ quanto spiegano Cia e Confagricoltura Toscana. Da stimare, invece i danni per le piantagioni di pesche, albicocche e susine. Il freddo e la neve potrebbero invece essere un toccasana per la coltivazione degli olivi in quanto le basse temperature colpiscono il parassita mosca dell’olivo, fanno sapere da Fedagri-Confcooperative Toscana.

“La produzione di 600 ettari nell’area di produzione in provincia di Livorno è già andata distrutta per oltre il 90%, con una prima stima di danni economici di 6-8 milioni di euro, sottolineano la Cia Livorno e quella Toscana che ha inoltre chiesto lo stato di calamità per i danni da Maltempo alle colture ortofrutticole della costa Livornese. Danni anche per la fava da orto e per gli altri ortaggi a foglia. Secondo Confagricoltura Toscana sono “azzerati i raccolti di carciofi e finocchi e sono ancora da stimare i danni per le piantagioni di pesche, albicocche e susine”.

Il freddo siberiano ha spazzato via tutto, gelando gemme e danneggiando irrimediabilmente interi raccolti, è scritto in una nota di Confagricoltura Toscana che parla di “disastro annunciato da più di un mese“. Per Confagricoltura centinaia di aziende sono state lasciate sole, le assicurazioni non hanno aperto le polizze ed ora sono in ginocchio.