Maltempo Umbria: rischio danni agli olivi

MeteoWeb

In Umbria il maltempo caratterizzato da freddo intenso e successivamente da neve e piogge con temperature sotto lo zero, potrebbero aver causato danni, anche rilevanti, alla parte aerea delle piante di olivo, soprattutto ai rami giovani, che sarebbero andati in produzione quest’anno: è quanto osserva Confagricoltura in una nota in cui sottolinea che con il “gelicidio” verificatosi, in particolare, il primo marzo, si sono, infatti, manifestati fenomeni di congelamento delle foglie e dei rami più giovani, con conseguente danno alle chiome, che mostrano, in alcuni casi i primi ingiallimenti.

“E’ tuttavia prematuro – sostiene Angela Canale, agronomo Assoprol, l’associazione dei produttori olivicoli che fa capo a Confagricoltura Umbria – quantificare al momento i danni reali, bisogna ancora aspettare qualche giorno per osservare la ripresa vegetativa. Inoltre, la reazione delle piante alla situazione meteo che si è verificata potrebbe essere differente nelle diverse zone della regione, anche in funzione dell’altitudine e della varietà”

“Nessun danno, invece – a quanto registra Confagricoltura Umbria – nei vigneti né’ per l’ortofrutta, salvo che in pochissimi casi di coltivazioni già in campo, come i cavolfiori, i finocchi, radicchi, scarola, verza o carciofi”. I tecnici del sindaco regionale degli agricoltori stanno, in questi giorni monitorando, la situazione in tutta la regione, per capire quali e quanti danni siano stati provocati dall’ondata di freddo. A livello nazionale, si temono rincari dei prezzi delle orticole di stagione intorno al 15-20% e per le primizie anche del 20/30% (dati Confagricoltura nazionale).