Salute, riabilitazione al biliardino: a Milano calcio balilla senza barriere

MeteoWeb

All’ospedale San Raffaele di Milano la riabilitazione può essere ‘un gioco da ragazzi’, divertente come una partita di calcio balilla. La new entry nel Reparto di Neurologia dell’Irccs di via Olgettina è proprio un modello speciale di biliardino, senza barriere perché adattato alle esigenze delle persone che si muovono in carrozzina: “Un calcetto per tutti, poiché lo sport è il mezzo per superare le diversità e creare integrazione”, spiega Francesco Bonanno, presidente della Federazione paralimpica italiana calcio balilla (Fpicb) che ha donato lo strumento di ‘sport therapy’ all’Unità di Neurologia, Neurofisiologia clinica e Neuroriabilitazione, diretta da Giancarlo Comi.

La sport-terapia – sottolineano dall’ospedale del Gruppo San Donato – trova riscontro in letteratura scientifica che riporta diversi benefici dell’esercizio fisico sulle funzioni non solo motorie, ma anche cognitive. “Pensiamo che le persone ricoverate nel nostro reparto, affette da sclerosi multipla e altre patologie neurodegenerative, possano trarre giovamento dalla pratica di questo sport che può migliorare il coordinamento dei movimenti oculari e delle mani, lo sviluppo dei riflessi e sicuramente, da un punto di vista psicologico, migliorare l’autostima e la socializzazione”, afferma la neurologa Letizia Leocani, responsabile del Centro Magics San Raffaele. “Siamo grati alla Federazione per questo regalo che migliorerà la permanenza in ospedale dei nostri pazienti, agevolando il loro percorso di riabilitazione”, commenta Comi, anche direttore dell’Inspe-Istituto di Neurologia sperimentale San Raffaele.

Il nuovo ‘Calcio Balilla Special’ è stato collocato nella Piazzetta degli Amici del Dimer, che già ospita un pianoforte per gli amanti della musica. Il biliardino è disposizione dei pazienti e delle loro famiglie che potranno usufruirne liberamente e gratuitamente. “Questa nuova iniziativa – evidenzia una nota – è in linea con la mission dell’ospedale che, come tutto il Gruppo ospedaliero San Donato, crede fortemente nell’umanizzazione delle cure e pertanto promuove progetti e attività volti a favorire il benessere fisico e psicologico dei pazienti”.