Aerospazio: la Sardegna si candida alla piattaforma di ricerca

MeteoWeb

“Lavoriamo per far diventare la Sardegna una grande piattaforma di ricerca per l’aerospazio, e’ un nostro sogno”. L’ha dichiarato l’assessore regionale della Programmazione, Raffaele Paci, stasera a Villa Devoto durante un incontro col presidente dell’Asi, Agenzia Spaziale Italiana, Roberto Battiston, il presidente dell’Inaf Nicolo’ D’Amico, rappresentanti di Nasa, Esa, Inaf, Ipl, il sindaco di Selargius Pier Luigi Concu, dove e’ collocata la sede del Sardinia Radio Telescope (Srt).

Presenti anche la rettrice dell’universita’ di Cagliari Maria Del Zompo e il sindaco della Citta’ Metropolitana Massimo Zedda. L’incontro a Cagliari ha preceduto quello di domani mattina a San Basilio (Sud Sardegna), dove sara’ inaugurato l’avvio dell’attivita’ del Sardinia Deep Space Antenna, con i servizi di comunicazione e navigazione per le sonde interplanetarie.

“Il Srt di San Basilio e’ uno dei radiotelescopi piu’ all’avanguardia a livello mondiale, una vera e propria eccellenza del settore, e la nostra Giunta supporta con convinzione le politiche per l’aerospazio”, ha aggiunto Paci.

“La Sardegna rafforza il suo ruolo nell’Aerospazio a livello internazionale. Abbiamo gia’ avuto importanti riscontri all’attivita’ del Radiotelescopio, dove in diretta mondiale e’ stato seguito il tuffo della sonda Cassini. Ma vogliamo fare di piu’: abbiamo ambiente e capitale umano eccezionali, tutte le carte in regola perche’ la nostra Isola dei centenari diventi sempre piu’ un punto di riferimento a livello mondiale”.