Tumori, “Io scelgo di sapere”: al via la campagna social sul cancro all’ovaio

MeteoWeb

“Io scelgo di sapere: tumore ovarico e Brca, l’informazione che ha cambiato la mia storia”. E’ lo slogan della campagna social lanciata da Acto (Alleanza contro il tumore ovarico) in occasione della Giornata mondiale sul tumore ovarico che ogni anno accende i riflettori sulla neoplasia ginecologica a peggior prognosi e che domani viene celebrata da 130 associazioni pazienti di 50 Paesi.

Un’iniziativa realizzata con il supporto incondizionato di AstraZeneca e in partnership con aBRCAdaBRA Onlus e Sigu. Il tumore ovarico è il sesto tumore più diffuso tra le donne e tra le prime 5 cause di morte per tumore tra le pazienti di età compresa tra i 50 e i 69 anni, facendo registrare ancora oggi il 60% di mortalità.

In Italia circa 49.000 donne convivono con questo tumore e ogni anno si diagnosticano 5.200 nuovi casi. I tumori ovarici di origine genetico-ereditaria sono un quarto di tutti i tumori ovarici e sono gli unici che i familiari sani delle pazienti Brca mutate possono prevenire scegliendo di sottoporsi al test Brca.

Un semplice prelievo del sangue che permette di identificare la mutazione ereditaria e, per la prima volta nella storia di questa malattia, consente a chi risulta Brca mutato di prevenire questa neoplasia adottando le più opportune strategie di riduzione del rischio.

Attraverso il test genetico effettuato alla diagnosi, le pazienti portatrici di questa mutazione possono accedere ai trattamenti a bersaglio molecolare così detti ‘target therapy’. La seconda edizione della campagna ‘Io scelgo di sapere’, che Acto onlus promuove attraverso la propria pagina Facebook e il sito www.actoonlus.it, è nata proprio per continuare a sensibilizzare le donne sull’importanza di sottoporsi al test Brca condividendo video, schede informative, consigli e pareri degli esperti e numerose testimonianze di pazienti che si sono confrontate con questa malattia.