Archeologia: a Selinunte trovate due installazioni di culto

MeteoWeb

“Portate alla luce due nuove installazioni cultuali in prossimità del Tempio R con materiale votivo. Si tratta di una struttura rettangolare e una circolare subito davanti alla fronte del Tempio R, con associata abbondante ceramica locale e d’importazione risalente alla prima generazione di vita della colonia greca, oggetti di ornamento personale in bronzo, e un frammento di un idioletto femminile in terracotta. La fase insediativa greca di prima generazione è ancora tutta conservata nell’area attorno al Tempio R. Ma gli scavi hanno prodotto anche altri risultati importanti. Ad esempio si può dire con certezza che a Ovest del Tempio R i livelli antichi sono intatti, con varie opere connesse alla costruzione del Tempio C”. Lo ha annunciato Clemente Marconi della New York University   e dell’Università Statale di Milano che sta guidando la campagna di scavi di cui, Mercoledì 25 Luglio, illustrerà alla stampa i risultati conclusivi di quest’anno.

“La seconda parte della campagna di scavo NYU-UniMi ha prodotto risultati non meno importanti di quelli delle prime due settimane di lavoro. Anzitutto, si può dire con certezza che a ovest del Tempio R i livelli antichi sono intatti – ha continuato Marconi –  con varie opere connesse alla costruzione del Tempio C ancora ben conservate. Le ricerche in quest’area hanno già fornito e continueranno a fornire informazioni preziose per la nostra comprensione della progettazione e realizzazione del più importante tempio di età arcaica a Selinunte”.

“Mercoledì dinanzi agli occhi della stampa la mietitura del grano all’interno del Parco Archeologico di Selinunte con il quale si produrranno cous cous e pasta con il logo del Parco. Abbiamo il Monococco, grano ritrovato all’interno della Grotta dell’Uzzo, uno dei più importanti siti preistorici della Sicilia. Il briefing alle ore 11 e 30 proprio nei campi agricoli. Una grande occasione – ha dichiarato  Enrico Caruso, Direttore del Parco Archeologico di Selinunte – per vedere e filmare un’importante novità”.  Non solo grano ma anche lenticchie e ceci avranno il logo del Parco.

“Ben 10 ettari del Parco Archeologico saranno destinati a rinvigorire una tradizione sopita da oltre 20 anni: l’agricoltura. Quest’anno il ricco raccolto di 10 ettari di coltivazione darà una produzione di rilievo sia ai legumi, ceci, varietà Sultano e Pascià, lenticchie, seminate per oltre un ettaro di terra, riservando invece oltre 9 ettari al grano duro di origine siciliana, quali Russello, Tumminia e Perciasacchi. Infine il grano Monococco – ha continuato Caruso –  quest’ultimo ritrovato, come ha dimostrato il prof. Sebastiano Tusa, attuale Assessore ai Beni Culturali della Regione Siciliana, all’interno della Grotta dell’Uzzo, uno dei più importanti siti preistorici della Sicilia. Si tratta, evidentemente, della più antica attestazione del paesaggio dal ruolo di cacciatori-raccoglitori degli uomini preistorici ad agricoltori. Ceci e lenticchie saranno imbustate e vendute con il logo del Parco. Il grano servirà per produrre semola per cous cous, farina e pasta sempre con il logo del Parco. Infatti tutti i prodotti avranno il logo del Parco Archeologico di Selinunte e quello del Consorzio Ballatore, organismo che fa capo all’Assessorato regionale all’Agricoltura che ha curato la sperimentazione di cui si raccoglieranno i frutti. Tale raccolto fa ben sperare per il futuro del Parco Archeologico di Selinunte che intende riservare un ruolo di primo piano all’agricoltura, ridando al paesaggio storico il ruolo di cornice, di primo piano all’archeologia di Selinunte che non teme rivali nel Mediterraneo”.