Calabria, travolti dal torrente Raganello: domani i funerali dello street artist e della fotografa

MeteoWeb

Lui donava la sua creatività ai muri di Roma. Lei è pianta sui social come “gli occhi del rap romano” per le sue fotografie ‘live’. L’arte urbana, la loro vera passione: sarà questo il mondo che domani alle 14 nella chiesa dei Santi Marcellino e Pietro sulla Casilina darà l’ultimo saluto a Carlo Maurici e Valentina Venditti, la coppia romana di 35 e 34 anni morta il 20 agosto nella piena delle Gole del Raganello insieme ad altri otto escursionisti.

Le loro opere, in queste ore, rimbalzano sui social: una spirale, un cuore e degli uccelli disegnati da Carlo in via Casilina (“a ricordarci di restare umani”, commenta Luciana), o un muro di rose, come lo ricorda il Comitato di Quartiere di Torpignattara: “Abbiamo perso due amici del quartiere – scrive – Nel 2014 collaborarono alla festa Alice nel paese della Marranella, con la realizzazione del murale ‘Evolution of roses'”. “Ho un suo murale proprio vicino a casa, mi dispiace tantissimo” scrive Giulia. L’arte di Carlo era arrivata fino all’Aquila, dove nel 2015 aveva partecipato a un festival per la ricostruzione sociale della citta’ dopo il terremoto.

Aveva disegnato un’aquila con le ali spalancate in un tunnel pedonale. C’e’ anche un video, in cui Carlo (non inquadrato in volto), spiega il suo lavoro: “Ho voluto lasciare il segno con una mia opera per la citta’ dell’Aquila” dice il giovane. Valentina preferiva esprimersi con l’obiettivo, e spesso immortalava le opere del compagno.

Ma la sua specialita’ erano le foto dei concerti dei gruppi rap. Che oggi la ricordano con dolore: “Ricordo di lei una persona entusiasta, educata e professionale” scrive su Facebook il rapper Suarez. “Ci hai seguito tutti sul palco, con la tua presenza sempre discreta – il messaggio di ‘Ice One’ – tanto che mi accorgevo delle foto il giorno dopo i live, sui social, e rimanevo incantato dagli attimi rapiti in cui ci hai fatto tutti ‘belli’. Grazie di tutto”. C’e’ rabbia nelle parole di Rita, che pubblica una foto di un disegno di Carlo su un muro a via Margutta: “Una morte che poteva forse essere evitata se qualcuno avesse dato ascolto a tre allerta meteo e non avesse consentito le escursioni”.

Il ‘Laboratorio Hip Hop Meticcio’ li ricorda insieme, due persone positive per la citta’ e per gli altri: “Valentina tempo fa ci ha regalato un bel po’ di scatti durante i nostri live – scrivono su Facebook – Foto bellissime, fatte con passione ed eleganza da una persona umile e discreta, che mostrava amore e passione per il suo lavoro. Ricordiamo anche il suo compagno che ha donato splendidi murales alle strade di Roma, contribuendo con la sua arte a dare qualche nota di colore in questo grigio cemento che ci circonda”.