Medicina: a Pietrasanta premio per giovani ortopedici

MeteoWeb

Una borsa di studio annuale destinata agli under 32 intitolata a due nomi storici dell’ortopedia come Oscar Scaglietti e Piero Dini, “per arginare la fuga dei cervelli e allo stesso tempo valorizzare, esaltare e rilanciare la grande scuola fiorentina dei grandi chirurghi ortopedici”.

A legare Pietrasanta (Lucca) con Firenze sono la scuola Ortopedica Fiorentina e l’ex Ospedale Civile Lucchesi che ha rappresentato, per molti anni, una costola di quella scuola. Il Premio e’ stato presentato a Palazzo Comunale da Fernando Colao, chirurgo ortopedico, con primo cittadino di Pietrasanta Alberto Giovannetti e l’assessore alla cultura Massimo Mallegni.

“La borsa di studio e’ rivolta a laureati in ortopedia e traumatologia – ha spiegato Colao – ed e’ messa a disposizione dalla Facolta’ di Medicina di Firenze”. Prevede un corso di formazione chirurgico per un totale di 300 ore “da attribuire a giovani chirurghi italiani che presentino degli elaborati di argomento scientifico – nello specifico chirurgico ortopedico – di particolare valore ma che tengono anche conto dell’aspetto umano del paziente”.

“Il premio pone l’attenzione su due aspetti – ha proseguito Colao -: i giovani che sono il nostro futuro, che devono lavorare qui e non all’estero, e che dobbiamo mettere in condizione di tenere viva ed arricchire una tradizione cosi’ importante e prestigiosa in ambito medico scientifico ed il rapporto medico paziente. La nostra piccola ambizione e’ invertire la tendenza e rimettere al centro i giovani”.

Il bando sarà pubblicato nel mese di gennaio 2019, le premiazioni sono invece in programma a dicembre 2019. Il premio è stato accolto a braccia aperte da Pietrasanta: “Ha una valenza nazionale. – ha spiegato Giovannetti – E va nella direzione di stimolare i giovani medici a restare e a valorizzare qui la loro formazione”. Regista dell’operazione del Premio e’ stato il Senatore, Massimo Mallegni: “Quando il professor Colao mi ha proposto di valorizzare la figura di Scaglietti e Dini, e conoscendo il legame con la nostra citta’ e l’ambizione della nostra citta’ ad essere un costante punto di riferimento, ho detto subito di si'”.