Salute, un caso Dengue in Friuli: interventi di disinfestazione in corso

MeteoWeb

Una persona residente a Tavagnacco (Udine), è affetta dalla febbre Dengue. Lo rende noto l’Azienda sanitaria universitaria di Udine precisando che a partire da domani sarà avviata una campagna di disinfestazione e che la popolazione sarà informata con comunicazioni porta a porta.

La malattia si trasmette tramite le zanzara tigre (genere Aedes Albopictus) e ha un’incubazione di 3-7 giorni. Si manifesta con febbre, cefalea, dolore muscolare e articolare, nausea e vomito, oltre al caratteristico rush cutaneo sulla maggior parte del corpo dopo 3-4 giorni dall’insorgenza della febbre.

La malattia può svilupparsi sotto forma di febbre emorragica con emorragie gravi da diverse parti del corpo che possono causare collassi e, in casi rari, risultare fatali. La misura preventiva più efficace consiste nell’evitare di entrare in contatto con le zanzare: è consigliato l’uso di repellenti, vestiti adeguati e protettivi, zanzariere e tende.

Non esiste, precisa l’Azienda Sanitaria Universitaria Integrata di Udine, un trattamento specifico per la Dengue e nella maggior parte dei casi le persone guariscono completamente in due settimane. Le cure di supporto alla guarigione consistono in riposo assoluto, uso di farmaci per abbassare la febbre e somministrazione di liquidi al malato per combattere la disidratazione. In qualche caso, stanchezza e depressione possono permanere anche per alcune settimane.

Secondo le indicazioni del Piano Nazionale e Regionale di sorveglianza, nelle giornate di domani e di mercoledì, a partire dalle 19.00 e fino alle 21.00, mediante motopompa atomizzatrice, sarà effettuato un intervento adulticida, larvicida e di eliminazione dei focolai larvali per un raggio di 200 metri dal luogo dove risiede il malato in Via I maggio a Tavagnacco.

Durante il trattamento la popolazione dovrà restare al chiuso con finestre e porte ben chiuse; si dovrà sospendere il funzionamento degli impianti di ricambio d’aria, tenere al chiuso gli animali domestici e proteggere i loro ricoveri e suppellettili (ciotole, abbeveratoi, ecc.) con teli di plastica.

Prima del trattamento insetticida raccogliere la verdura e la frutta degli orti o proteggere le piante con teli di plastica in modo ermetico. In seguito al trattamento si raccomanda alla popolazione di procedere, con uso di guanti lavabili o a perdere, alla pulizia di mobili, suppellettili e giochi dei bambini lasciati all’esterno che siano stati esposti al trattamento. In caso di contatto accidentale con il prodotto insetticida, lavare abbondantemente la parte interessata con acqua e sapone.