Spazio, da bancaria a “cacciatrice di asteroidi”: scopre 200 stelle

MeteoWeb

Di lavoro fa la bancaria, ma per passione è una “cacciatrice di asteroidi”. Una definizione che le calza a pennello, visto che ha investito innumerevoli notti a cercare corpi celesti e ne ha scoperti ben 200.

Lei è Maura Tombelli, e della sua storia ne parla ‘Il Tirreno’, un’astronoma che si è fatta da sé, che non ha rinunciato alla sua passione per le stelle neanche quando i suoi compagni la prendevano in giro.

Oggi Maura è la presidente del Gruppo Astrofili Montelupo, che di recente ha inaugurato l’osservatorio di San Vito (dedicato al suo maestro Beppe Forti), alla presenza di Piero Angela.

Montelupo che ha anche un asteroide che porta il suo nome, 7198 Montelupo, scoperto proprio dalla Tombelli e dall’astronomo (e amico) Andrea Boattini e che in questo momento “galleggia” fra Giove e Marte. Cosi’ come c’e’ l’asteroide “Città di Vinci“, scovato dalla Tombelli nel lontano 1994, nome in codice 18441 “Cittadivinci“.

Insomma – si legge sempre su ‘Il Tirreno’ – quando si parla di stelle e di “oggetti” che vagano e si muovono nello spazio infinito dell’universo, Maura è un’autorità. Ma dietro questi “galloni” che si è guadagnata sul campo, c’è tutta una storia, che parte “tanto tempo fa”, parafrasando Star Wars di George Lucas.

Maura Tombelli lavorava come bancaria alla Cassa di Risparmio di Firenze. Ma ancor prima era una bambina col “vizio” di alzare gli occhi al cielo: “Quando ero piccola, mio padre mi portava a vedere le stelle cadenti per San Lorenzo e io gli dicevo “babbo, quella stella ora casca”.

Poi ho avuto la fortuna, il 15 febbraio 1961, di assistere all’eclissi totale di sole. E’ stato qualcosa di incredibile, anche se spesso ricevevo delle battute per la mia passione. Una volta mi son detta che non avrebbero piu’ riso di me”. Maura Tombelli compra il suo primo telescopio a 36 anni, mentre lavora in banca. Una passione e una professione diversissime fra loro: “In banca stai coi piedi per terra, poi la sera alzi gli occhi al cielo e ti diverti. Certo, lavorare in banca mi ha fatto uscire dal guscio, perche’ questa passione e’ spesso solitaria”.