Terremoto Molise: il sindaco di Pescolanciano chiude la scuola

MeteoWeb

“L’edificio scolastico di Pescolanciano (Isernia) non ha superato le verifiche antisismiche e, il 12 settembre, non sarà riaperto per accogliere gli alunni”. Lo ha dichiarato il sindaco, Manolo Sacco. L’edificio ospita una trentina di ragazzi, tra scuole primarie e secondarie di primo grado.

“La struttura – ha spiegato Sacco – risale agli anni ’60. Abbiamo affidato le verifiche a esperti esterni per un costo, a carico del Comune, di 16.000 euro. I problemi maggiori – ha aggiunto il sindaco – riguardano il tetto. In queste condizioni non posso riaprire l’edificio”. Sacco ha annunciato che giovedì prossimo ci sara’ una riunione con i genitori.

“Proporrò – ha anticipato – due ipotesi: trasferire gli alunni nei locali al pianoterra del Municipio, oppure presso l’edificio scolastico del vicino comune di Pietrabbondante (Isernia), con trasposto gratuito. Tale edificio e’ nuovo e senza alunni, poiche’ gli unici tre alunni di Pietrabbondante frequentano le scuole dell’obbligo a Carovilli (Isernia)”.

Il sindaco Sacco ha voluto precisare: “entrambe le soluzioni proposte saranno temporanee. L’edificio di Pescolanciano, infatti, ha ottenuto dalla Protezione Civile un finanziamento di 880mila euro, poiche’ – ha concluso – lo stabile dovrà servire anche come area di ricovero per la popolazione in caso di Terremoto”.