Clima: l’OGCI stabilisce il primo target collettivo di metano per i membri

MeteoWeb

Oil and Gas Climate Initiative (Ogci) ha annunciato oggi l’obiettivo di ridurre di un quinto, al di sotto dello 0,25%, la media collettiva dell’intensità di metano derivante dalle operazioni aggregate di estrazione di gas e greggio entro il 2025, con l’ambizione di raggiungere lo 0,20%, corrispondente ad una riduzione di un terzo.

L’intensità del metano indica la quantità di metano che si disperde nell’atmosfera durante la produzione di gas e petrolio, in percentuale al gas venduto. Questa decisione rappresenta una presa di posizione significativa di Ogci nella lotta contro il cambiamento climatico e sottolinea l’obiettivo dell’iniziativa di voler lavorare comunemente a sostegno dell’accordo di Parigi.

Raggiungere l’obiettivo prefisso dello 0,25% della media di intensità di metano entro la fine del 2025 ridurrebbe le emissioni collettive di 350.000 tonnellate di metano all’anno, rispetto al valore di riferimento dello 0,32% nel 2017. Ogci ambisce a superare questo target, e a raggiungere la riduzione di un terzo nello stesso arco temporale.

“Il nostro obiettivo è quello di lavorare per avere emissioni di metano prossime allo zero sull’intera catena del valore del gas, a sostegno dunque del raggiungimento degli obiettivi dell’accordo di Parigi. Abbiamo lavorato per rendere il nostro obiettivo concreto, attuabile e misurabile, contribuendo a garantire che il gas naturale possa realizzare il suo pieno potenziale in un futuro a basse emissioni”, fanno sapere i responsabili delle aziende aderenti a Ogci.

Per ridurre l’intensità delle emissioni collettive di metano di Ogci, le aziende punteranno alle principali fonti di emissioni. Inoltre, i membri di Ogci sono impegnati con altre aziende del settore per contribuire ad assicurare che le emissioni di metano vengano limitate in tutta l’intera catena del valore del gas. Questo obiettivo della riduzione del metano arriva nel momento in cui Ogci dà il benvenuto a Chevron Corporation, ExxonMobil Corporation e Occidental Petroleum, le tre major statunitensi che insieme rappresentano il 5% della produzione mondiale di petrolio e gas.

I nuovi membri di Ogci supportano l’obiettivo di riduzione collettiva del metano e sono allineati con gli obiettivi di Ogci, tra cui il riconoscimento e il supporto dell’accordo di Parigi, la rendicontazione collettiva e l’impegno per gli obiettivi di Zero Routine Flaring entro il 2030. Le nuove società rafforzano la capacità dei programmi di lavoro di Ogci e condividono l’attenzione di Ogci sullo sviluppo di una roadmap collettiva sulla cattura, l’utilizzo e stoccaggio della CO2 (CCUS). Inoltre, ciascuno contribuirà con 100 milioni di dollari al fondo Ogci Climate Investments.

Attraverso il suo fondo di investimento Ogci Climate Investments da 1 miliardo di dollari, Ogci vuole aumentare l’ambizione, la velocità e la portata delle iniziative per ridurre i gas serra. Oggi, Ogci Climate Investments ha annunciato i suoi investimenti nel 2018, che saranno incentrati sul riciclaggio e sullo stoccaggio di CO2 e sulla riduzione delle emissioni di metano. L’implementazione di queste soluzioni tecniche supporterà il mandato di Ogci. Al fine di espandere il suo impatto globale, Ogci Climate Investments ha annunciato congiuntamente con Cnpc (la China National Petroleum Corporation) di collaborare alla creazione di Ogci Climate Investments China, un fondo di investimento focalizzato sulla Cina.

Oil and Gas Climate Initiative mira ad aumentare l’ambizione, la velocità e la portata delle iniziative intraprese dalle singole società per contribuire a ridurre le emissioni di gas serra prodotte dall’uomo, in particolare dalla produzione e dall’uso di petrolio e gas in produzione elettrica, riscaldamento, industria e trasporti. Il suo fondo d’investimento da 1 miliardo di dollari, Ogci Climate Investments, supporta lo sviluppo, l’implementazione e il potenziamento di tecnologia e di modelli di business a bassa emissione. Lanciato nel 2014, Ogci è ora costituita da 13 compagnie operanti in ambito petrolifero e del gas: BP, Chevron, CNPC, Eni, Equinor, ExxonMobil, Occidental, Pemex, Petrobras, Repsol, Saudi Aramco, Shell e Total.