Cultura, nasce il Vocabolario Dantesco: tutte le parole del Sommo Poeta in un dizionario

MeteoWeb

Nasce il Vocabolario Dantesco, realizzato dall’Accademia della Crusca in collaborazione con l’Istituto Cnr Opera del Vocabolario Italiano (Ovi). La presentazione ufficiale si terrà lunedì 1° ottobre, nella Villa medicea di Castello, a Firenze sede dell’Accademia della Crusca. I due istituti, nell’ambito delle celebrazioni per il settimo centenario della morte del Sommo Poeta, che cadrà nel 2021, hanno dato il via alla redazione di un grande Vocabolario destinato a raccogliere l’intero patrimonio lessicale contenuto nelle opere di Dante Alighieri, sia volgari che latine.

Nella conferenza di lunedì prossimo saranno rese pubbliche e consultabili le prime 200 schede, tutte relative a voci della Divina Commedia. Il Vocabolario Dantesco, frutto del lavoro di alcuni giovani ricercatori, è rivolto a tutti gli studiosi, gli studenti, e gli appassionati della lingua di Dante.

Dopo i saluti di Claudio Marazzini (presidente dell’Accademia della Crusca) e quelli istituzionali il convegno prenderà il via alle ore 10.30 con gli interventi di Paola Manni (“Il Vocabolario Dantesco: dal progetto alla pubblicazione delle prime schede””); Francesca De Blasi, Barbara Fanini, Cristiano Lorenzi Biondi, Fiammetta Papi e Veronica Ricotta (“Nell’officina del Vocabolario Dntesco: gli strumenti e il lavoro di redazione”); Salvatore Arcidiacono (“‘Forse tu non pensavi ch’io löico fossi!’: metodi computazionali al servizio del Vocabolario Dantesco”).

Seguiranno le relazioni di Rossella Mosti e Zeno Verlato (“Le corrispondenze del Vocabolario Dantesco: Tlio, lessicografia storica, corpora dell’Ovi”) ; Carla Marello (“Far accedere gli studenti al lessico dantesco attraverso il Vocabolario Dantesco in rete”); Rosario Coluccia (Cosa le varianti della Divina Commedia possono insegnare alla storia della lingua e alla lessicografia italiana”; Mirko Tavoni (“Lessicografia ed esegesi dantesca”); Andrea Mazzucchi (Il Vocabolario Dantesco tra antichi commenti alla Commedia e usi stilisticamente marcati del lessico”; Gabriella Albanese (“Per il Vocabolario latino di Dante”); Lino Leonardi (“Conclusioni e prospettive future”). Il convegno si chiude alle 18.00 con la discussione.