Salute: ecco il significato delle varie colorazioni assunte da un livido

MeteoWeb

Un livido solitamente appare ore dopo una ferita dei tessuti al di sotto della superficie della pelle, se la ferita in questione è stata provocata, per esempio, da traumi contusivi o cadute. Ogni tipo di ferita in grado di provocare la rottura dei capillari, i minuscoli vasi sanguigni sotto la pelle, permetterà al sangue di infiltrarsi nei tessuti circostanti, dando così origine ad un livido.

La maggior parte dei lividi richiede fino a due settimane di tempo per guarire completamente, ma alcuni potrebbero persino durare di più a seconda della gravità della ferita. Tra i consigli più diffusi per contrastare la loro comparsa subito dopo un urto o una ferita, i dottori consigliano di applicare una forte pressione e del ghiaccio sull’area interessata per richiudere i vasi sanguigni e ridurre l’infiammazione. In caso di lividi che si formano spesso o che non guariscono, è meglio consultare un dottore per assicurarsi che il livido non sia il segno di qualcosa di molto più serio.

lividi coloriI lividi possono presentare varie colorazioni e ognuna di esse ha una spiegazione: ecco di cosa si tratta.

Rosa o rossi: un livido “fresco” può emergere in qualsiasi momento, da pochi minuti a diverse ore dopo una ferita. La pelle potrebbe iniziare a mostrare una sfumatura rossa o rosa perché il sangue ricco di ossigeno proveniente dai capillari colpiti si sta infiltrando nei tessuti. Solitamente questo stadio non dura mai a lungo, motivo per il quale molte persone non notano un livido finché non assume un colore viola intenso.

Viola scuro o blu: quando i globuli rossi iniziano a disaggregarsi, il livido assumerà un coloro viola scuro o blu. Sono i macrofagi, un tipo di globuli bianchi, a condurre la “demolizione” dei globuli rossi. La colorazione viola è anche il risultato della rapida perdita di ossigeno delle cellule ematiche che si infiltrano nei tessuti, dando al sangue una sfumatura blu.

lividi coloriVerdi: un livido verde solitamente è uno dei primi segni della sua guarigione. Mentre il corpo continua a disaggregare quelle cellule ematiche sparse, trasforma l’emoglobina in biliverdina, un pigmento biliare che dà alla pelle una colorazione verde.

Gialli o marroni: il livido è quasi completamente guarito una volta che raggiunge questa fase di colorazione. Il consumo di queste cellule ematiche ad opera dei macrofagi poi trasforma la biliverdina in emosiderina e bilirubina, altri sottoprodotti della scomposizione dell’emoglobina, che danno alla pelle un aspetto giallo o marrone. Una volta che i contenuti dei globuli rossi sono riassorbiti o espulsi dal corpo, il livido sparirà.