Belluno, 30enne scivola sul ghiaccio per 150 metri: salvato dal Suem

Avventura pericolosa, ma a lieto fine per un ragazzo di 30 anni scivolato sul ghiaccio e slittando per 150 metri: è stato salvato dal Soccorso alpino speleologico veneto.

L’allarme è scattato alle 13.30, quando l’elicottero del Suem di Pieve di Cadore è intervenuto in zona Ciadin del Laudò, sul sentiero che porta a Forcella Marcoira, sul Sorapiss. Il giovane, F.L. di Rovigo, stava salendo con due amici verso la forcella per poi proseguire verso il Rifugio Vandelli.

Quando però hanno trovato neve, i tre hanno deciso di tornare indietro non essendo attrezzati in maniera adeguata, ma uno di loro, che si trovava retrocesso rispetto agli amici, ha perso l’equilibrio ed è scivolato. Sbarcati con il verricello, medico, infermiere e tecnico del Soccorso alpino hanno prestato le prime cure al ragazzo, che aveva riportato un probabile politrauma, per poi imbarellarlo, caricarlo a bordo e trasportarlo all’ospedale di Belluno.

Anche i due amici, sotto shock per quanto accaduto e bloccati dalla paura, sono stati recuperati con un verricello dall’eliambulanza e accompagnati al Passo Tre Croci, dove una squadra del Sagf era pronta a intervenire. Oltre ai tre ragazzi soccorsi, sul posto c’erano altri escursionisti in palese difficoltà, poiché sprovvisti di calzature appropriate, che sono stati invitate a ritornare sui propri passi per evitare di mettersi in pericolo.

Suem e Soccorso alpino sottolineano la necessità di dotarsi di abbigliamento, calzature e attrezzatura adeguati ai luoghi che si intendono frequentare. In quota la presenza di neve e ghiaccio richiede inoltre capacità di movimento ed esperienza. È sempre consigliabile informarsi preventivamente sulle condizioni dei percorsi oltre che su quelle meteo. Di fronte alle prime avvisaglie di difficoltà, non esitare infine a tornare indietro.