Maltempo: Allerta arancione per il fiume Po a Pavia, Lodi e Cremona

Allerta per la piena del Po nelle province di Pavia, Lodi e Cremona. A comunicarlo la Sala Operativa della Protezione Civile della Lombardia, la cui attivita’ e’ coordinata dall’assessore al Territorio e Protezione civile, Pietro Foroni.

L’avviso di criticita’ con codice arancione per rischio idraulico riguarda le zone PO1 (provincia di Pavia, Po-Tanaro), PO2 (provincia di Pavia, Tanaro-Ticino) e PO4 (province di Lodi e Cremona, Lambro-Adda), a causa di un’ondata di piena proveniente dal Piemonte, in ingresso nel territorio Lombardo. Alla stazione di Ponte Valenza (Alessandria) si attende il superamento della seconda soglia di allerta (arancione) nella tarda serata di oggi.

Il picco e’ previsto per le ore centrali di domani, mercoledi’ 7 novembre, mentre entro sera si prevede che si possa superare la seconda soglia di allerta anche nel tratto pavese-lodigiano. Lo scenario di rischio idraulico prevede al momento un livello di criticita’ ordinaria (gialla) per i tratti PO3 (provincia di Pavia, Ticino-Lambro) e PO6 (province di Cremona e Mantova, Taro-Oglio).

Al momento la situazione si mantiene, invece, ancora tranquilla nei tratti PO5 (provincia di Cremona, Adda-Taro), PO7 (provincia di Mantova, Oglio-Mincio/Secchia) e PO8 (provincia di Mantova, Mincio/Secchia-Po). La Protezione Civile suggerisce a titolo precauzionale di valutare l’interdizione all’accesso nelle golene aperte, compreso l’utilizzo delle piste ciclabili, e di mantenere la massima attenzione lungo il corso d’acqua. Secondo le previsioni, infatti, le conseguenze del Maltempo e l’onda di piena potrebbero interessare localmente le strutture e le attivita’ poste nelle aree golenali aperte, mentre al momento non si prevede l’interessamento delle aree golenali chiuse.