Maltempo, Borrelli: “Il Trentino ha agito con tempestività”

Il Trentino ha agito con tempestività e competenza nel momento dell’emergenza, offrendo ai cittadini la risposta adeguata ai bisogni. A voi va il ringraziamento personale e dell’intera nazione per quanto avete fatto e per l’impegno che metterete nell’opera ricostruzione”. Lo ha detto il capo della Protezione civile nazionale, Angelo Borrelli, durante sopralluogo in Trentino sui luoghi danneggiati dall’ondata di Maltempo. Nel corso della riunione con la Protezione civile del Trentino, presso il nucleo elicotteri di Mattarello, Borrelli ha annunciato l’ipotesi di chiedere il contributo dell’Unione europea al finanziamento della ricostruzione anche nella provincia di Trento.

“La vista dei boschi del Trentino, soprattutto quelli orientali, e’ impressionante, cosi’ come la zona di Dimaro testimonia la forza del fenomeno”, ha aggiunto Borrelli che ha voluto ringraziare tutti i responsabili della Protezione civile e le squadre impegnate sul territorio “per quello che hanno fatto fino ad oggi e per come hanno gestito la bufera, certo annunciata ma che si e’ poi rivelata la piu’ importante degli ultimi 50 anni, maggiore dell’inondazione del 1966. Se non ci fosse stato il vento, i danni sarebbero stati certo importanti ma piu’ limitati”.

“Il paesaggio – ha poi detto Borrelli – appare fortemente compromesso in vaste aree e ci vorranno anni per misurarci con i rischi geologici e valanghivi, dovuti all’assenza delle piante. Ma credo che il Trentino sapra’ misurarsi con la nuova realta’ e trovare le contromisure adeguate”. Ad accompagnare Borrelli c’erano il presidente della Provincia autonoma di Trento, Maurizio Fugatti, quello uscente Ugo Rossi, l’assessore provinciale Tiziano Mellarini, e il capo della Protezione civile del Trentino, Stefano De Vigili.