Ricerca: terapia genica Made in Italy protagonista all’Europarlamento

Stimolare gli investimenti in ricerca dando uno sguardo ad alcuni tra i maggiori traguardi che l’Ue ha raggiunto, con un costante dialogo tra le istituzioni europee, gli Stati membri, le loro università e i centri di ricerca più importanti.

E’ l’obiettivo di una Conferenza congiunta di Parlamento europeo e Commissione europea, in programma a Bruxelles martedì 27 novembre (nella sede dell’Europarlamento), in cui a rappresentare la ricerca italiana di eccellenza saranno gli scienziati dell’Istituto San Raffaele-Telethon per la terapia genica (Sr-Tiget) di Milano.

Sotto i riflettori con loro la storia di Margaux, bambina belga affetta da Ada-Scid, rara malattia genetica che compromette gravemente il sistema immunitario, curata con la terapia genica sviluppata nell’istituto tricolore. Saranno i genitori a raccontare il percorso affrontato dalla piccola, che oggi ha 5 anni ed è una dei 31 pazienti con Ada-Scid trattati ad oggi.

La terapia genica messa a punto dagli scienziati italiani dal 2016 è divenuta un farmaco ed è la prima terapia genica con cellule staminali ematopoietiche a essere disponibile sul mercato, si ricorda in una nota. La Conferenza ‘Research and Innovation in our daily life’ riunirà ricercatori, politici, rappresentanti delle istituzioni e dell’industria. Prevista la presenza Antonio Tajani, presidente del Parlamento europeo, Carlos Moedas, Commissario europeo per la Ricerca, la Scienza e l’Innovazione e Jean-Pierre Bourguignon, presidente del Consiglio europeo della ricerca. A presentare il lavoro del SR-Tiget saranno il direttore e il vicedirettore del centro, Luigi Naldini e Alessandro Aiuti.