Antonio Megalizzi è morto: la lettera degli amici

MeteoWeb

“Se potessi fermare il tempo lo farei per te amico mio”. Comincia così la lettera dedicata ad Antonio Megalizzi dai suoi amici e affissa davanti alla porta di casa dove , vive con i genitori, in via Centa, a Trento.

“Se potessi fermare il tempo lo farei per te amico mio, perché i tuoi momenti più belli regalassero ancora ai tuoi giorni una gioia sempre viva – si legge – Se potessi prendere un arcobaleno lo farei proprio per te. E condividerei con te la sua bellezza, nei giorni in cui tu fossi malinconico. Se potessi costruire una montagna, potresti considerarla di tua piena proprietà; un posto dove trovare serenità, un posto dove stare da soli e condividere i sorrisi e le lacrime della vita. Se potessi prendere i tuoi problemi li lancerei nel mare e farei in modo che si sciolgano come il sale. Ma adesso sto trovando tutte queste cose improponibili per me, non posso fermare il tempo, costruire una montagna, o prendere un arcobaleno luminoso da regalarti. Ma lasciami essere ciò che so essere di più: semplicemente un amico”.

Antonio Megalizzi, giovane giornalista di Trento, si è spento oggi  nell’ospedale Hautepierre di Strasburgo. Era stato ferito, con un colpo alla testa, durante l’attentato ai mercatini di Natale di Strasburgo. La prognosi è parsa subito negativa, in quanto molto difficile da operare. Nel pomeriggio di oggi il corpo non ha retto.