Capodanno: Mister Ok pronto al 31esimo tuffo nel Tevere

MeteoWeb

La tradizione di Mister Ok, con il tuffo nelle acque del Tevere a Roma per salutare il nuovo anno, si ripeterà anche domani. Maurizio Palmulli, erede del primo ‘Mister ok’ Rick De Sonay, l’italo-belga che nel 1946 inaugurò l’impresa in costume e cilindro e fu soprannominato così per il gesto che faceva con la mano ad ammiratori e curiosi, è pronto a celebrare il rito per la sua 31esima volta.

“Spero che tutto vada bene”, afferma all’Adnkronos Palmulli che domani si tufferà seguito da altri tre romani che, da una decina di anni, condividono la sfida. “Quest’anno sono accadute cose incredibili” sottolinea Palmulli pensando “ai terremotati, alle gemelline scomparse insieme alla mamma che si è gettata nel Tevere”.

“Dedico questo tuffo a mio figlio, che ha 32 anni, è disabile e si è operato due giorni fa – continua ‘Mister Ok’ – e lo dedico al popolo romano perché il 2019 sia un anno sereno”.

Quella di oggi per Palmulli, bagnino 66enne, sarà una giornata di attesa e preparazione: “Farò un po’ di stretching, una corsetta di cinque chilometri, poi tornerò a casa e aspetterò la fine dell’anno a casa. Ma come ogni anno il mio Capodanno finirà presto: a mezzanotte e mezza a letto. Domani ci aspetta una bella impresa, che farà il giro del mondo”. E c’è da scommettere che neppure quest’anno sarà l’ultimo tuffo: “Vediamo, ora penso a domani, poi si vedrà” sottolinea Mister Ok che però sembra intenzionato a continuare “ancora qualche anno….mi piacerebbe raggiungere i sette lustri”. Appuntamento domani alle 12 in punto quando, allo sparo del cannone del Gianicolo, il tuffo da ponte Cavour nel Tevere per salutare il nuovo anno si ripeterà.