Clima, al via la COP24: il mondo al capezzale dell’emergenza climatica

MeteoWeb

Il mondo si ferma di fronte all’emergenza climatica. Del resto, il pianeta sta inviando segnali forti e chiari: surriscaldamento globale, uragani, disastri naturali. Per fronteggiarla circa 200 paesi riuniti in Polonia cercheranno di far decollare l’accordo di Parigi nella 24esima conferenza (COP 24) che si apre in Polonia.

Disastri meteorologici, impatto sulla salute o sui raccolti: “La scienza dimostra chiaramente che abbiamo solo un decennio per ridurre le emissioni di gas serra“, ha dichiarato Johan Rockstroem, del Potsdam Institute for Climate Impact Research (PIK).

“Ecco perché dobbiamo iniziare ora“, altrimenti i governi di oggi rimarranno “ricordati per generazioni” per il loro fallimento. Con l’accordo di Parigi nel 2015, il mondo si è impegnato a limitare l’aumento della temperatura a +2°C rispetto all’era preindustriale, e idealmente a +1,5°C.

E il recente rapporto degli scienziati Giec ha evidenziato la differenza “netta” tra gli impatti tra questi due obiettivi, che si tratti di ondate di calore o di innalzamento del livello del mare. Ma gli impegni presi oggi dai firmatari di Parigi porterebbero ad un mondo a +3°C. Mentre il pianeta ha già guadagnato +1°C, sarebbe necessario, per rimanere sotto +1.5°C, che le emissioni di CO2 siano ridotte di quasi il 50% entro il 2030 rispetto al 2010, secondo il Giec .

I membri del G20, ad eccezione degli Stati Uniti, hanno certamente riaffermato sabato il loro sostegno all’accordo di Parigi. Questo “aiuta i negoziati in Polonia a partire bene”, ha dichiarato David Waskow, esperto di World Resources Institute.