Etna, la psicologa: “Il terremoto tra i più antichi traumi dell’uomo”

MeteoWeb

Il terremoto resta per l’essere umano uno dei piu’ antichi ed importanti motivi di paura, soprattutto quando avviene in piena notte. La psicologa del Corpo italiano di soccorso dell’Ordine di Malta (Cisom) Rosa Leonardi, parla cosi’ dell’intervento nella tarda serata del 26 dicembre su segnalazione dei Vigili del Fuoco nel Catanese sulle dinamiche scatenanti della paura. Il team e’ intervenuto assistendo alcuni cittadini che manifestavano un forte stato d’ansia e paura nell’affrontare la notte.

“Quando viviamo per la prima volta un terremoto di intensita’ elevata – spiega la dottoressa – restano in noi delle vere e proprie ‘impressioni’. Un odore, un rumore, a volte anche un sapore. L’odore della polvere dei calcinacci, il sibilo o il boato del terremoto. Dalla nascita dell’uomo, il nostro sistema nervoso registra in modo indelebile tutto quello che percepisce come pericoloso per la vita. Questi segnali di pericolo sono custoditi nella parte piu’ antica del cervello, nei sistemi sottocorticali.

Ogni volta che percepiamo un rumore insolito – aggiunge la psicologa -il nostro sistema di sicurezza si attiva e lancia l’allarme, tutto il corpo viene allertato attraverso il sistema noradrenergico, in attesa che la corteccia cerebrale, la parte piu’ recente ed esclusivamente umana del cervello, elabori i segnali. Se il rumore viene riconosciuto come familiare e non pericoloso, cessa l’allerta, altrimenti si attivano i sistemi di sicurezza e di fuga. Se razionalmente tutti conosciamo l’esistenza del terremoto – osserva la dottoressa Leonardi del Cisom – emotivamente chi lo ha vissuto ne porta il ricordo, attraverso una impressione, piuttosto che un’altra, per tutta la vita.

Di notte queste impressioni e paure si presentano in modo inaspettato e talvolta pervasivo. Diventa difficile rientrare in casa, o perlomeno dormire sereni. Quando questo accade e’ molto importante parlarne, dare ascolto alle proprie impressioni e condividerle anche con altri. Spesso condividere l’esperienza di un evento traumatico aiuta a renderla piu’ tollerabile. Anche creare un proprio piccolo rituale di protezione – conclude l’esperta – come ad esempio preparare uno zainetto con oggetti utili in caso di allontanamento improvviso da casa, da lasciare davanti la porta”.