Terremoto Catania, un testimone: “E’ stato terribile, una corsa per soccorrere un disabile”

MeteoWeb

“E’ stato terribile. La scossa è stata più forte di quella che ci si aspettava. Si rimane senza parole. E’ stato difficile per mia sorella, 84 anni, e la sua famiglia, con un figlio disabile, affrontare quei momenti. Lei ora non c’è qui. E’ a casa mia ad Acireale. Anch’io abito lì. Appena ho sentito la scossa sono venuto subito a vedere cosa è successo. Ho impiegato due ore ad arrivare. L’autostrada era bloccata”. Il racconto descrive i momenti drammatici vissuti una famiglia che, in preda al panico dopo una scossa di terremoto deve soccorrere una persona disabile e farla uscire in strada.

A parlare Giuseppe Torrisi, 76 anni, ex sindaco di Acireale dal 2001 al 2008. Lui è davanti al portone di casa della sorella. Sono appena passati i Vigili del fuoco che hanno dichiarato inagibile la palazzina di due piani dove la donna abitava con il marito e il figlio.

“Appena ho sentito la scossa ho telefonato ma non rispondeva nessuno. Ho subito pensato al terremoto del 1984 e sono corso qui”. La porta di casa del figlio disabile era bloccata e non si riusciva ad aprire. Marito e moglie “con la forza della disperazione l’hanno sfondata”. Dopo qualche ora trascorsa in auto, Giuseppe Torrisi ha portato tutti a casa sua. Il genero, cardiopatico, è stato trasportato nell’ospedale Cannizzaro di Catania. “Speriamo – dice – lo Stato ci aiuti a ricostruire queste case. Ad Amatrice non sono ancora tornati nelle loro case. Speriamo che non succeda anche qui”.