Terremoto: taglio del nastro nel nuovo asilo nido a Sarnano

MeteoWeb

“Sarnano ha avuto una concentrazione importante di opere che sono state frutto di donazioni oppure donazioni integrate con l’intervento pubblico come l’asilo nido che inauguriamo oggi. La scuola e’ l’investimento piu’ grande che si fa per il futuro di in una comunita’. Un significativo in bocca al lupo va alle insegnanti perche’ nelle loro mani mettiamo il bene piu’ prezioso: i bambini che cresceranno sviluppando le loro capacita’ cognitive, in una struttura antisismica strategica che rispetta l’ambiente”.

Lo ha detto il presidente della Regione Marche Luca Ceriscioli che ha partecipato a Sarnano all’inaugurazione del nuovo asilo nido “Bimbi a Bordo”, alla presenza del sindaco Franco Ceregioli e di Miss Italia Carlotta Maggiorana.

“Restituiamo alle nostre comunita’ luoghi piu’ sicuri di quelli che avevamo prima e qualitativamente superiori attivando buone pratiche – ha aggiunto -. Stanno andando molto bene i bandi sui fondi europei per lo sviluppo del territorio che hanno avuto molto successo per il livello e la qualita’ progettuale. Proprio il Piano strategico che la Regione Marche ha approvato e’ stato realizzato da molti attori, quali sindaci, associazioni di categoria e universita’.

Anche la Conferenza episcopale marchigiana ha partecipato alla produzione di progetti di rilancio del territorio e stiamo vedendo che queste risorse andranno a buon fine. Posso dire che le opere realizzate e gia’ restituite sono state tante, ma ce ne sono ancora molte da realizzare date le dimensioni del sisma”.

La struttura delocalizzata e’ di 160 mq e ospitera’ 14 bambini, dispone di una grande sala, un dormitorio con lettini, una sala scalda vivande e un ufficio. L’asilo e’ stato realizzato nell’area verde adiacente all’Ipia, in un contesto particolarmente adatto ai piccoli ospiti. l’operazione e’ stata resa possibile grazie ai fondi della Regione Marche e di un bando di sponsorizzazione del Comune aggiudicato dalla ditta Top Costruzioni dell’Abruzzo. Il costo complessivo ammonta a 260mila euro di cui 115mila assegnati dalla Regione.