Tsunami in Indonesia, si aggrava il bilancio: almeno 222 i morti e 843 i feriti

MeteoWeb

Si aggrava il bilancio dello tsunami che ha colpito la costa attorno allo stretto della Sonda, tra le isole indonesiane di Giava e Sumatra in Indonesia: sono almeno 222 morti, 843 feriti e 28 i dispersi. A riferirlo è l’Agenzia indonesiana per la gestione dei disastri.

“Il bilancio è destinato ad aggravarsi perché non tutte le vittime sono state ancora raggiunte e non tutte le strutture sanitarie e le località coinvolte hanno fornito i dati“, ha spiegato il portavoce Sutopo Purwo Nugroho.

Intanto giungono messaggi di solidarietà da ogni parte del mondo. “Noi italiani siamo vicini al popolo indonesiano, con spirito di forte solidarietà e sincera amicizia in questi terribili momenti”. Scrive il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, esprimendo “il più profondo cordoglio” alle famiglie delle numerose vittime dello tsunami in Indonesia. Lo riferisce un tweet della Farnesina.

“Le notizie e le immagini che ci arrivano dall’Indonesia sono sconvolgenti. Siamo accanto alle famiglie delle vittime ed al loro dolore e speriamo che molte persone possano ancora essere salvate”. Così il portavoce di Angela Merkel ha espresso su Twitter le condoglianze e la solidarietà della cancelliera tedesca a nome dei tedeschi all’Indonesia dopo lo tsunami che si è abbattuto tra Sumatra e Java.

Anche il Papa all’Angelus ha pregato per le popolazioni dell’Indonesia, “colpite da violente calamità naturali, che hanno causato gravi perdite in vite umane, numerosi dispersi e senzatetto e ingenti danni materiali. Invito tutti ad unirsi a me nella preghiera per le vittime e i loro cari. Sono spiritualmente vicino agli sfollati e a tutte le persone provate”. “Faccio appello – ha detto ancora il Papa – perché non manchi a questi fratelli e sorelle la nostra solidarietà e il sostegno della Comunita’ Internazionale”.