Tumori a rischio genetico: a Torino ambulatorio ginecologico

MeteoWeb

Nasce al Sant’Anna di Torino, sull’onda lunga di Angelina Jolie, il primo Ambulatorio ginecologico dedicato alla prevenzione dei tumori nelle pazienti ad alto rischio genetico. Afferente alla Ginecologia e Ostetricia diretta dal dottor Saverio Danese, il servizio è dedicato alle donne, affette e non da patologia tumorale, risultate positive ai test genetici BRCA o che hanno familiarità tale da rendere probabile una patologia a trasmissione ereditaria.

La mutazione dei geni BRCA1 e BRCA2 accresce rispettivamente il rischio di cancro al seno ed alle ovaie. Le donne portatrici di mutazioni di tali geni hanno un’elevata probabilità (circa il 60%) di sviluppare un tumore mammario nell’arco della vita. Le mutazioni di tali geni conferiscono anche un rischio di carcinoma ovarico stimato nell’ordine del 40% per il BRCA1 e del 20% per il BRCA2.

“Al Sant’Anna ci occupiamo di questo argomento da anni sulle pazienti affette da patologia tumorale – spiega il dottor Danese -, era venuto il momento di dare un punto di riferimento certo, dove si possano trovare notizie corrette sull’argomento, sulle terapie preventive e per le donne non affette, sull’opportunità o meno di eseguire il test”.

Per accedere al nuovo ambulatorio è necessario prenotare. “Attualmente i familiari che hanno ereditato la mutazione non sono quasi mai presi in carico adeguatamente dal Servizio Sanitario nazionale – sostengono le pazienti attraverso le Associazioni ActoPiemonte Onlus ed In seno alla vita Onlus – troppo spesso le persone non trovano risposte, o trovano risposte sbagliate basate su pregiudizi o ignoranza”.