Ambiente: monitoraggio satellitare per la riserva di Marsala

MeteoWeb

Un monitoraggio satellitare “finalizzato alla conservazione e alla gestione della naturalità nell’ecosistema, con trapianto sperimentale della posidonia oceanica stanziale”. E’ quanto prevede un progetto del Comune di Marsala redatto per la tutela della Riserva naturale orientata “Isole dello Stagnone” e ammesso nella graduatoria regionale per il finanziamento (spesa: quasi 400 mila euro).

“Il progetto – dice il sindaco di Marsala, Alberto Di Girolamo – rappresenta una concreta azione di salvaguardia di quell’ecosistema lagunare che rende Marsala unica e di notevole attrazione turistica. Un investimento, per il quale ci si avvarra’ di alte professionalita’ e tecnologia avanzata, al fine di riqualificare lo spiccato aspetto naturalistico dello Stagnone”.

L’intervento e’ finalizzato alla tutela degli habitat di interesse comunitario (aree Sic) e della posidonia oceanica stanziale. Per quest’ultima, “sono in programma – spiega una nota del Comune di Marsala – interventi di trapianto che saranno svolti in collaborazione con l’Istituto per l’Ambiente marino costiero del Consiglio nazionale delle ricerche (Iamc-Cnr), ente che gia’ condivide la progettualita’ di ‘Area Vasta’. Il trapianto, in pratica, se da un lato accelera la colonizzazione lenta tipica della prateria, dall’altro favorisce il ripristino dell’ecosistema in atto degradato”. Nel frattempo, il Comune attende anche un altro finanziamento per un pista ciclo-pedonale lungo lo Stagnone, gia’ valutato positivamente dalla Regione.