Viva il lupo: progetto Wwf di educazione ambientale in 2 Parchi

MeteoWeb

Si occupa della convivenza fra lupo e attivita’ umane e mira a rilanciare le attivita’ di educazione ambientale nel Parco nazionale del Gran Sasso e Monti della Laga e nel Parco nazionale dei Monti Sibillini, colpiti dai terremoti del 2016, il progetto del Wwf “Viva il Lupo, valorizzazione della biodiversita’ per una pedagogia della natura tra conflitto e resilienza”, risultato primo, fra 45, al bando del ministero dell’Ambiente su educazione nei parchi. Obiettivo e’ valorizzare i Centri di Educazione Ambientale (Cea) del Wwf attivi nelle due aree protette, il ‘Monti della Laga’ di Cortino (Teramo) nel Parco Gran Sasso-Laga e il Credia (Centro ricerca educativa documentazione interpretazione ambientale) di Vallato a San Ginesio (Macerata).

Nel Teramano il progetto vede la collaborazione dell’Istituto Scolastico di Civitella del Tronto e l’adesione del Parco. “E’ per noi motivo di grande orgoglio veder riconosciuta l’attivita’ del nostro centro” commenta il presidente del Wwf Teramo Claudio Calisti. “Abbiamo puntato da sempre sull’educazione ambientale e per questo creammo a Cortino un primo centro di educazione ambientale negli anni ’80 quando ancora non esisteva il Parco ed esperienze di questo tipo erano veramente rare. Poi – prosegue Calisti – grazie alla collaborazione del Parco e del Comune, abbiamo messo a punto un centro capace di svolgere tante attivita’ di conservazione, sensibilizzazione e promozione del territorio”.

Con questo e altri progetti approvati, grazie al bando del ministero, “il Wwf potra’ far crescere la sensibilita’ e la cultura ambientale delle nuove generazioni – aggiunge Dante Caserta, vicepresidente Wwf Italia – Convivenza pacifica con i grandi carnivori, turismo sostenibile, riduzione della produzione di rifiuti di plastica, importanza degli spazi verdi urbani saranno i temi trattati dai progetti che coinvolgeranno oltre 6.000 ragazzi, 135 tra educatori e docenti. Tutto grazie alla consolidata rete di centri di educazione ambientale ed educatori del Wwf che da sempre coinvolgono ragazzi e insegnanti in laboratori in classe e sul campo”.