Ambiente e sostenibilità: a Roma si parla di salute e clima

Salute e clima. Si tratta del focus scientifico del Villaggio per la Terra (dal 25 al 29 aprile al Pincio e al Galoppatoio di Villa Borghese), in programma domani alle 11:30, organizzato in collaborazione con il dipartimento ''Scienze della salute della donna e del bambino e di sanità pubblica''

MeteoWeb

Salute e clima. Si tratta del focus scientifico del Villaggio per la Terra (dal 25 al 29 aprile al Pincio e al Galoppatoio di Villa Borghese), in programma domani alle 11:30, organizzato in collaborazione con il dipartimento ”Scienze della salute della donna e del bambino e di sanità pubblica” dell’Università Cattolica di Roma, diretto dal professor Walter Ricciardi. Nel dibattito si darà voce all’impegno di centinaia di ricercatori e premi Nobel che, nella recente ”Carta Internazionale di Roma su clima e salute”, hanno espresso raccomandazioni e suggerito azioni necessarie ai decisori politici e allo stesso tempo dato indicazioni per far crescere la consapevolezza su queste tematiche cercando di porle al centro di tutte le agende. Il tema salute, nel più ampio scenario dell’ecologia integrale promossa dall’enciclica ”Laudato Sì”, è inscindibilmente legato ai cambiamenti climatici.

Il talk del Villaggio per la Terra, “rappresenta un’occasione per portare i dati inquietanti su questa correlazione a un pubblico più vasto; per far capire quanto il cambiamento climatico impatti sulla salute di tutti; e anche per anticipare quello che sarà il proseguimento, a settembre, a Boston, in corrispondenza con l’Assemblea delle Nazioni Unite” spiega Walter Ricciardi, presidente della Federazione Mondiale delle Società di Sanità Pubblica, e direttore del dipartimento della Salute della Donna e del Bambino del Policlinico Gemelli di Roma.

Secondo Ricciardi, si tratta di un “tema assolutamente sottovalutato perché se adesso, in qualche modo, sta emergendo, anche grazie a Greta Thunberg, che c’è la consapevolezza dell’impatto del cambiamento climatico sull’ambiente, quello sulla salute è ancora largamente sottostimato. Io l’ho paragonato a un’apocalisse a fuoco lento, nel senso che è qualcosa di cui non ci accorgiamo perché cresce lentamente”.

“Mentre in passato rischi come l’apocalisse nucleare furono ben chiariti da Hiroshima e Nagasaki, l’apocalisse che il cambiamento climatico può causare per la salute è largamente sottostimata. Perciò è molto opportuno parlarne in tutte le circostanze e spiegare questi dati ai cittadini” conclude Ricciardi. Al Talk interverranno inoltre: Alberto Contri, presidente della Fondazione Pubblicità Progresso; Mariella Enoc, presidente dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma; Giovanni Raimondi, presidente della Fondazione Policlinico Universitario Agostino Gemelli Ircs; Bruno Dallapiccola, direttore scientifico dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù; Giovanni Scambia, direttore scientifico della Fondazione Policlinico Universitario A. Gemelli Ircss.