Ostia, pesce scaduto e non tracciabile: sequestrati 420 chilogrammi

Sequestrati nell'entroterra di Ostia, in mercati e depositi dislocati tra Ostia Antica ed Acilia, oltre 420 chilogrammi di pesce: di questi, 350 chilogrammi erano scaduti, in cattivo stato di conservazione, e privi della tracciabilità

MeteoWeb

Sequestrati nell’entroterra di Ostia, in mercati e depositi dislocati tra Ostia Antica ed Acilia, oltre 420 chilogrammi di pesce: di questi, 350 chilogrammi erano scaduti, in cattivo stato di conservazione, e privi della tracciabilità. I restanti 70 chilogrammi di pesce, valutati dalla Asl in buono stato, saranno devoluti in beneficenza.

E’ il bilancio di un’intensa attività di controllo condotta, sulla filiera ittica, sul litorale e nell’entroterra dalla sezione di Polizia marittima della Capitaneria di Porto di Roma Fiumicino, per garantire la legalità nella vendita dei prodotti e tutelare la salute dei consumatori, in vista anche delle imminenti festività pasquali.

Il personale ha comminato anche verbali amministrativi per un ammontare complessivo di circa 6mila euro. I controlli dei militari della Capitaneria proseguiranno anche nei prossimi giorni.